Future Repubblica difende le automobili dai temibili monopattini

Repubblica difende le automobili dai temibili monopattini

Una terribile minaccia incombe nelle nostre città e nell’aria che respiriamo: ne parla Repubblica, in un articolo di pochi giorni fa. L’occasione è un nuovo rapporto di Arcadis (pdf), società di progettazione e consulenza urbana attiva a livello globale, in cui si segnala il peso ambientale dei monopattini in condivisione, raccontando l’opera di boicottaggio nei confronti di questi piccoli mezzi di trasporto avvenuta in un paese francese. Secondo l’articolo, infatti, “un monopattino in sharing emette mediamente 105,5 grammi di CO2 a chilometro. Appena 5 grammi in meno di un’automobile con tre persone a bordo che ne emette mediamente 111 (per persona) e addirittura di più di un’auto elettrica con una sola persona a bordo (103 gr/Km)”. Non solo, a inquinare sarebbe tutto l’indotto composto dai “furgoni di assistenza utilizzati dalle compagnie di sharing per prelevarli, ricaricarli e risistemarli continuamente nelle città. Tutto questo per una vita media del prodotto considerata breve, che non supera i 18 mesi”.

Dati che parlano di un problema ormai noto, ma che sembrano confezionati per demonizzare un mezzo di trasporto alternativo a quelli tradizionali, che potrebbe insomma dare fastidio al gruppo FCA, pardon Stellantis, e alla famiglia Agnelli, che ha preso il controllo di Repubblica dalla fine del 2019, con effetti piuttosto visibili nella copertura di questi temi.

È lo stesso report citato, ad esempio, a indicare possibili soluzioni al problema dei monopattini in sharing, come il riutilizzo delle batterie e il focus su materiali facilmente riciclabili, come l’alluminio. Quanto all’indotto, la maggior parte di questi settori usano veicoli elettrici per muoversi in città, o possono essere convertiti con facilità. Insomma, nonostante ci sia molto da fare e sia necessario assicurarsi che la corsa al monopattino non generi sprechi e problemi per i trasporti pubblici, possiamo dire con certezza che il vero problema di molte città sono altri mezzi di trasporto. Come… le automobili, ad esempio. Vero, Repubblica?

(Foto: Lime)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale