Future Byoblu e i "bannati" di Google

Byoblu e i “bannati” di Google

Era già successo nel 2017, quando il suo blog fu bannato da AdSense, la piattaforma pubblicitaria di Google. La storia si ripete ora, con il “ban” del canale di “ByoBlu” da YouTube. Nel frattempo, il blog di “disinformazione” (o fake news, a seconda dei punti di vista) fondato da Claudio Messora, ha attraversato varie fasi. Il governo giallo-verde, quello giallo-rosso, la crisi, la pandemia.

Fake news e libertà di parola

Da anni, quindi, Messora ha a che fare con le conseguenze delle sue bufale – e le misure prese da Google per limitarne la monetizzazione (e diffusione). Non è una novità, così come non è una novità il tentativo dell’ex esperto di Comunicazione per il Movimento 5 Stelle di ergersi a novello Savonarola. La realtà è che la pandemia non ha fatto che acuire il tasso di paranoia dei contenuti di ByoBlu. Già nel 2017 vaneggiava di una manovra oscurantista “orchestrata da Hillary Clinton, dal Parlamento Europeo, da Laura Boldrini, da Angela Merkel”. Il Covid non ha aiutato, e YouTube ha deciso di togliere la pubblicità e gli abbonamenti a Byoblu (il quale sostiene che la piattaforma produca vaccini, tra le altre cose).

Lo scontro tra l’ex blogger e la piattaforma è figlio dell’eterna questione aperta del monitoraggio dei contenuti online. La lotta agli estremismi, alle fake news, alle teorie del complotto che si interseca al diritto di parola, comunque sacrosanto.

Youtube e BLM

“La dittatura del politicamente corretto!” griderà qualcuno. Ma non è così, innanzitutto perché si parla di fake news. Inoltre, un’inchiesta del sito The Markup ha da poco scoperto che YouTube (negli Usa) non permette agli inserzionisti di targetizzare contenuti che parlano di Black Lives Matter. Google Ads blocca anche il termine “black power”. In tutto questo, argomenti come White Lives Matter, white power e altre tag riconducibili a movimenti estremisti sono tranquillamente utilizzabili. Ennesima conferma di quanto la moderazione dei contenuti sia un territorio ostico per queste piattaforme.

Il nuovo algoritmo

Anche per questo giganti come Google sono sempre al lavoro sul logo algoritmo. La sua prossima evoluzione si chiamerà Google Page Experience, è attesa per maggio ma pare si occuperà di velocizzare il download delle pagine web e la loro ottimizzazione per il mobile. Per risolvere l’endemico problema dei contenuti falsi e tendenziosi sui suoi siti, invece, servirebbe un monitoraggio costante. E regole chiare.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Perché Gucci investe nell’agricoltura rigenerativa?

E non solo: anche Timberland e Patagonia puntano sempre più sul settore

Fatturato in calo 5,4%: il peso economico del cambiamento climatico

Ogni grado in più ci costa una fortuna, secondo il Politecnico

Come Nick Clegg è diventato il Ministro degli Esteri di Facebook

Questa settimana si è parlato tanto di Oversight Board, da qualcuno definita “la Corte Suprema di Facebook”. Le somiglianze tra il gigante...

Piantare alberi è solo l’inizio. Anche se sono 60 milioni

La Fondazione Alberitalia vuole riempire il Paese di verde, e ha un piano

Trump vuole tornare online, i social preferiscono di no

Facebook conferma il bando mentre Trump si fa un Twitter personale