Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia: dove?

Il vaiolo delle scimmie arriva in Italia: dove? L'ISS crea una task force di esperti per monitorare il virus e fermarne la diffusione.

Primo caso del vaiolo delle scimmie in Italia: dove? La preoccupante malattia arriva anche sul nostro territorio. L’Istituto Superiore di Sanità rassicura: “Monitoriamo i casi segnalati, creata una task force di esperti”.

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia: ecco dove

Il vaiolo delle scimmie arriva anche in Italia. Il primo caso è stato identificato a Roma, all’Ospedale Spallanzani. Secondo l’Istituto per le malattie infettive di Roma, si tratterebbe di un giovane appena rientrato dalle isole Canarie.

Il paziente si era presentato al pronto soccorso del Policlinico Umberto I. I medici dello Spallanzani stanno inoltre indagando su altri due casi sospetti che potrebbero essere infetti dal vaiolo. L’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità ha diffuso una nota ufficiale in cui assicura che sono già in corso operazioni di contenimento: L’Iss ha costituito una task force composta da esperti del settore ed ha contattato le reti sentinella dei centri per le infezioni sessualmente trasmesse al fine di monitorare continuamente la situazione nazionale”.

Teresa Palamara, responsabile del Dipartimento Malattie Infettive dell’ISS, ha confermato all’ANSA che le autorità sanitarie si sono già attivate: Il ministero della Salute sta monitorando attentamente i casi di vaiolo delle scimmie segnalati in Italia e che sarebbero al momento pochi e ha allertato le Regioni per un tracciamento degli eventuali casiAnche l’Istituto superiore di sanità ha attivato una task force per seguire al meglio l’evoluzione della situazione.

Al momento nel nostro Paese non si registra una situazione di allarme ed il quadro è sotto controllo.

LEGGI ANCHE: Emergenza vaiolo delle scimmie, esiste già il vaccino?

La situazione in Europa, quanti sono i casi confermati?

Il virus del vaiolo delle scimmie ha già raggiunto diversi paesi europei. Le prime segnalazioni sono arrivate dal Regno Unito, il 7 maggio, dove ora sono almeno undici i pazienti infetti, secondo gli aggiornamenti del 16 maggio. La Spagna è uno dei paesi più colpiti, con 7 casi confermati 29 sospetti nella zona di Madrid, più uno nelle isole Canarie.

Dal 18 maggio risultano cinque casi confermati in Portogallo, più una ventina di sospetti, tutti giovani uomini. Nella serata del 19 maggio, la Francia ha segnalato il primo caso sospetto, nella zona di Parigi/Ile-de-France.

LEGGI ANCHE: Vaiolo delle scimmie, cosa sappiamo ora: come si trasmette, sintomi, cura