Tony Sirico, chi era l’attore dei Soprano morto all’età di 79 anni

Tony Sirico era il famoso attore americano conosciuto per aver preso parte alla celebre serie tv I Soprano.

Tony Sirico era il famoso attore americano della serie I Soprano. Si è spento all’età di 79 anni. A dare l’annuncio sono stati il fratello e lo storico manager dell’attore. Ecco alcune informazioni sulla vita privata dell’attore.

Tony Sirico, chi era l’attore dei Soprano

Tony Sirico era nato a New York, nel 1942, e avrebbe compiuto 80 anni il 29 luglio. L’attore americano aveva origini italiane e in particolare campane e infatti il suo nome all’anagrafe era Gennaro Anthony Sirico Jr.

Prima di intraprendere la carriera nel mondo della recitazione, secondo il Los Angeles Times, avrebbe gravitato in ambienti di mafia al soldo del boss Carmine Persico (legato al clan della famiglia Colombo a New York), finendo arrestato per ben 28 volte per accuse quali rapina, possesso illegale di armi da fuoco e stupefacenti. Lascia una moglie e due figli: Joanna e Richard Sirico.

Morto all’età di 79 anni

Tony Sirico, che interpretava il personaggio di Paulie nella celebre serie I Soprano, è morto a 79 anni.

Lo hanno annunciato il suo manager e suo fratello. In un post sui social media il fratello Robert ha scritto: “Con grande tristezza, ma con molto orgoglio, amore e bei ricordi, la famiglia di Genaro Anthony “Tony” Sirico desidera informarvi della sua morte avvenuta la mattina dell’8 luglio 2022″.

Il manager storico di Sirico, Bob McGowan, ha confermato la morte e lo ha descritto come un uomo “sempre pronto ad aiutare chiunque avesse bisogno”. La notizia è stata condivisa su Instagram anche dal co-protagonista dei Sopranos, Michael Imperioli: “Tony -ha commentato l’attore- era unico: duro, fedele e generoso come non ho mai visto nessuno in vita mia.

Sono stato al suo fianco nella buona e nella cattiva sorte. Ma la sua è stata soprattutto buona. E abbiamo riso tanto insieme”.

 

LEGGI ANCHE: Elezioni Latina, si torna al voto dopo la decisione del Tar: ecco quando e perché