Silvio Berlusconi: “Riforma presidenzialismo? Mattarella dovrebbe dimettersi”

In caso di riforma presidenzialista, Sergio Mattarella dovrebbe dimettersi. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, in una intervista rilasciata in mattinata, ha lanciato una bomba nella già caotica campagna elettorale. Rispondendo ad una domanda sul presidenzialismo, tanto caro a Giorgia Meloni, ha rilasciato una dichiarazione che sta facendo molto discutere.

Silvio Berlusconi: “Riforma presidenzialismo? Mattarella dovrebbe dimettersi”

Nel corso di una intervista a Radio Capital, Silvio Berlusconi ha spiegato il suo appoggio alla riforma presidenzialista. “Il presidenzialismo esalta la democrazia, in Francia e Stati Uniti non è possibile quello che è successo in Italia, che dopo il mio governo non c’è stato alcun governo eletto dal popolo – ha affermato il leader di Forza Italia – e se entrasse in vigore presidenzialismo Mattarella dovrebbe dimettersi, poi magari potrebbe essere eletto di nuovo.

Una mia candidatura? Mah, restiamo alle cose attuali…”, conclude.

Le reazioni dei partiti

Immediate le reazioni degli altri partiti politici a queste dichiarazioni, che non si sono affatto fatte attendere. “Se oggi c’è un punto di unità nel paese è Mattarella, e dopo aver fatto cadere Draghi vogliono fare cadere Mattarella”. Così Enrico Letta intervenendo a ‘Radio Anch’io, commentando le parole dell’ex premier Berlusconi sul presidenzialismo. “Il fatto che il centrodestra inizi la sua campagna con un attacco a Mattarella e la richiesta di dimissioni dimostra che la destra è pericolosa per il paese”. Giuseppe Conte, invece, leader del Movimento cinque stelle, ha rimarcato invece che con questa dichiarazione il centrodestra “ha calato la maschera, perchè la riforma presidenzialistica prefigura un semplice accordo spartitorio: Giorgia Meloni premier, Matteo Salvini ministro degli interni e Silvio Berlusconi presidente della Repubblica dopo aver ottenuto le dimissioni di Sergio Mattarella.

Non permetteremo che le istituzioni siano piegate a queste logiche“. Ad intervenire anche Carlo Calenda, front runner del terzo polo: “Dopo aver cacciato Draghi adesso anche Mattarella. Non credo che Berlusconi sia più in se. Berlusconi, non è Mattarella a doversi dimettere ma tu a non dover essere eletto. Ci stiamo lavorando“.