Kevin Spacey assolto dalle accuse di molestie sessuali: il verdetto della giuria

Kevin Spacey assolto dalle accuse di abusi sessuali. Il processo civile era iniziato dopo il 2017 e dopo 5 anni si conclude questa vicenda.

Kevin Spacey assolto dalle accuse di violenze sessuali avanzate da Anthony Rapp nel 2017. La giuria ha emesso il suo verdetto a favore della tesi portata avanti dal legale dell’attore che ora dovrà affrontare un altro processo nel Regno Unito.

Kevin Spacey assolto dalle accuse di molestie sessuali

Il noto attore Kevin Spacey, per molti il protagonista di “House of Cards, è stato assolto nel processo civile in cui era imputato per accuse di molestie sessuali.

Il processo è iniziato a segutio delle denunce di Anthony Rapp che all’epoca dei fatti aveva 14 anni mentre Spacey 26.

Accuse che Spacey, tramite il suo avvocato Jennifer Keller, ha respinto sempre. “Eccoci qui oggi con Rapp che sta ricevendo più attenzione per questo processo che per la sua intera carriera”, ha detto Keller gettando un’ombra sul “MeToo”. “Questo non è uno sport in cui ci si schiera con il ‘MeToo’ o contro il ‘MeToo’.

Il nostro sistema richiede prove a sostegno delle accuse di fronte a una giuria imparziale”, ha spiegato. Per Spacey non è finita perché ora dovrà affrontare un altro processo nel Regno Unito dove è accusato di violenza sessuale da tre uomini. Il processo si dovrebbe tenere il prossimo anno.

Il verdetto della giuria

Gli undici membri della giuria hanno impiegato appena novanta minuti per emettere il verdetto. Secondo i giurati Rapp non ha dimostrato che Spacey “ha toccato una parte sessuale o intima”.

Inoltre, secondo il giudice “È essenzialmente un duplicato dell’altra accusa”.

Nella deposizione, Spacey aveva parlato della sua esperienza e del giudizio pesante del padre: “Mio padre era un suprematista bianco e neonazista”, le sue dichiarazioni. “Significava che io e i miei fratelli eravamo costretti ad ascoltare ore e ore di mio padre che ci insegnava le sue convinzioni“. Del suo orientamento sessuale “non ne abbiamo mai parlato. Non ho mai parlato pubblicamente di queste cose”.

Ha poi aggiunto che quando ha iniziato a fare teatro “mi urlava contro all’idea che potessi essere gay”.

 

 

LEGGI ANCHE: Django, serie tv: quando esce, cast e trailer del western targato Sky