Sciopero 20 maggio 2022: motivazioni e categorie

Sciopero 20 maggio 2022: tante categorie e settori si fermano per l'intera giornata di venerdì. Dai trasporti alla scuola.

Sciopero 20 maggio 2022: uno stop generale per l’intera giornata di venerdì. Diverse categorie e settori hanno aderito per manifestare principalmente contro il conflitto in Ucraina.

Sciopero 20 maggio 2022: motivazioni

Venerdì 20 maggio è previsto uno sciopero generale in tutta Italia con diverse categorie e settori che hanno aderito. I principali motivi delle proteste sono nati per dire basta alla guerra e le conseguenze economiche causate dal conflitto scoppiato in Ucraina.

L’agitazione è stata voluta dai sindacati di base Cub, Sgb, Usi-Cit, Cobas, SiCobas, Usb, ma anche i Giuristi democratici e associazioni pacifiste come Abbasso la Guerra, l’Assemblea Antimilitarista, Rete PeaceLink.

In particolare, le motivazioni sono rivolete all’aumento delle spese sociali e dei salari, il ripristino della scala mobile, e un reddito di base per tutte e tutti. Si legge nella nota sella SiCobas: “Lo sciopero del 20 maggio parte dalla necessità di far sentire forte e chiara la nostra opposizione radicale, senza se e senza ma, alla guerra come strumento e momento-chiave della ristrutturazione capitalistica”. 

Le categorie che si fermano

Lo sciopero di venerdì 20 maggio sarà generale e riguarderà molti settori: aerei, treni, bus, metropolitane e caselli autostradali ma anche tutti i settori pubblici e privati, compresi scuola e sanità.

I sindacati del trasporto pubblico locale Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferrotranvieri fanno sapere che “il contratto collettivo nazionale autoferrotranvieri internavigatori è scaduto da troppo tempo e tutti i lavoratori e le lavoratrici del settore meritano l’immediato rinnovo del Ccnl con il miglioramento delle condizioni di lavoro, l’adeguamento del salario ed il riconoscimento della professionalità di una categoria che non si è mai fermata durante la pandemia”.

Si ferma anche il personale di Ferrovie dello Stato dalle ore 21:00 del 19 maggio alle 21:00 del 20 maggio 2022. L’azienda di trasporti ha messo a disposizione un link per poter essere aggiornati sui treni disponibili. Inoltre, anche l’azienda Trenord ha comunicato che per le linee di competenza di FerrovieNord l’astensione sindacale è prevista dalle 00:00 alle 23:59 del giorno 20 maggio 2022.

A Milano, le metropolitane potrebbero non essere garantite dopo le ore 18 di venerdì 20.

Lo sciopero generale del 20 maggio 2022 potrebbe interessare anche i caselli autostradali, a partire dalle 22:00 di giovedì 19 e fino alle 22:00 di venerdì 20. Mentre, per il settore aereo lo stop durerà l’intera giornata, dalle 00:01 alle 23:59.

 

LEGGI ANCHE: Sciopero della scuola il 30 maggio: la protesta dei sindacati contro la riforma del reclutamento