Scandalo mazzette Qatar, Emma Bonino coinvolta con la sua Ong: le sue parole sull’inchiesta

Scandalo mazzette Qatar, Emma Bonino: coinvolta la Ong fondata dalla leader dei radicali nell'inchiesta belga. Ecco cosa sa la Bonino.

Scandalo mazzette Qatar, Emma Bonino: convolta nell’inchiesta belga la Ong fondata diversi anni fa dalla leader dei radicali. Attualmente, risulta allo stato di fermo il segretario generale della Ong. L’inchiesta, dunque, si allarga a macchia d’olio.

Scandalo mazzette Qatar, Emma Bonino coinvolta con la sua Ong

Nello scandalo mazzette tra il Parlamento europeo e il Qatar, sarebbe finita in mezzo anche la Ong “No Peace Without Justice“, fondata a Bruxelles da Emma Bonino. Il segretario della Ong Niccolò Figà-Talamanca è attualmente allo stato di fermo. L’ex ministro degli Esteri, raggiunta dall’Ansa, ha scelto di “non commentare a indagini in corso” . L’Ong della Bonino condivide gli uffici a Bruxelles con Fight Impunity, fondata nel 2019 da Antonio Panzeri, anche lui finito nel vortice dello scandalo. Inoltre, nello stesso edificio dove ha sede la sua Ong, a Bruxelles hanno sede anche i Radicali Italiani, Più Europa e l’Associazione Luca Coscioni.

Le sue parole sull’inchiesta

La Bonino è stata contattata telefonicamente dalla giornalista del Corriere della Sera Alessandra Arachi: Lei ha fondato a Bruxelles la Ong “Non c’è pace senza giustizia”? «Sì,è successo nel 1994 se non ricordo male. Forse era il 1993». L’Ong è finita nell’inchiesta sul presunto tentativo da parte del Qatar di corrompere alcune autorità europee. Sa niente di questo? «No, non so niente, aspetto la magistratura che si deve esprimere, credo che lo farà nel giro di pochi giorni».

Niccolò Figà -Talamanca, il segretario generale della sua Ong, è implicato direttamente in questa inchiesta. «Ho letto, ma non ho potuto parlare con Niccolò, lui adesso è in stato di fermo. Immagino che gli abbiano dato un avvocato d’ufficio». Ancora più vaga la risposta su Antonio Panzeri, uno dei principali indagati di questa inchiesta. «Non mi ricordo di lui – dice la Bonino al Corriere – può essere che l’abbia incontrato qualche volta quando ero al Parlamento europeo».

 

 

LEGGI ANCHE: Panzeri, chi è l’eurodeputato arrestato insieme alla moglie nello scandalo corruzione Mondiali in Qatar