QE: significato, cos’è, a cosa serve, cosa succede da luglio 2022?

QE: ecco cos'è, in cosa consiste e quali sono gli obiettivi di questo strumento economico a disposizione delle banche.

QE: uno strumento sviluppato ed utilizzato dalle banche nel settore dell’economia mondiale. Tuttavia, a partire dal mesi di luglio 2022, ci saranno delle importanti novità a riguardo.

QE: significato, cos’è e a cosa serve

Il QE (Quantitative Easing) è uno strumento di politica monetaria espansiva. Si tratta di una strategia per incentivare la crescita economica e sostenere l’inflazione.

Nello specifico viene considerato come uno strumento non convenzionale a disposizione della Banca Centrale Europea per influenzare la disponibilità di moneta e l’offerta di credito.

La moneta creata viene impiegata per l’acquisto di titoli, con l’effetto di aumentarne il prezzo, iniettare liquidità nel sistema e abbassare i tassi.

L’obiettivo di questa strategia è di smuovere i mercati finanziari mondiali per poi avere delle ricadute ed effetti economici positivi nell’economia reale. Inoltre, un altr’altra finalità è di alleggerire i debiti sul debito pubblico e, inoltre, sostenere l’inflazione per evitare gli effetti recessivi della deflazione.

Cosa succede da luglio 2022

La riunione della Banca centrale europea ad Amsterdam nei giorni scorsi ha deciso la fine del quantitative easing annunciando il rialzo dei tassi di 25 punti base a luglio. Nelle nuove stime l’inflazione è al 6,8% nel 2022, al 3,5% nel 2023 e 2,1% nel 2024, ridotte le previsioni sulla crescita

LEGGI ANCHE: Spread Italia: significato, cos’è e cosa succede se aumenta?