Live

Pfizer presenta la Pillola Anti Covid: “Efficace all’89%”

Arriva la pillola anti-Covid sperimentale di Pfizer. Dopo il farmaco di Merck & Co., arriva anche la pillola del colosso farmaceutico statunitense. Secondo Pfizer, il suo nuovo prodotto è in grado di ridurre dell’89% le possibilità di contrarre il virus in forma grave.

Ecco la pillola anti-covid di Pfizer: potrebbe essere in uso già quest’anno

Sono stati divulgati i primi dati sulla pillola anti-Covid sperimentale prodotta dal colosso farmaceutico Pfizer. Secondo l’agenzia di stampa britannica Reuters i risultati degli studi del colosso farmaceutico statunitense sembrano molto promettenti. Dalle sperimentazioni effettuate, l’antivirale di Pfizer, il Paxlovid, sarebbe in grado di ridurre dell’89% le possibilità di contrarre il Coronavirus in forma grave, riducendo di conseguenza le chance di ricovero e morte tra gli adulti. Questi risultati sono persino più incoraggianti di quelli ottenuti da Merck & Co., il cui antivirale, in commercio come Lagevrio, aveva dimostrato di riuscire a dimezzare le chance di contagio.

Si tratta di dati parziali: risultati completi di entrambi gli studi non sono ancora disponibili. Lo studio di Pfizer è stato condotto su 1219 pazienti. I ricercatori Pfizer hanno analizzato il numero di ricoveri o decessi tra individui affetti da casi leggeri o moderati di Covid-19 che avessero almeno un fattore di rischio che avrebbe potuto portare ad un aggravamento dell’infezione, come ad esempio obesità o età avanzata. Solo lo 0.8% dei soggetti cui è stato somministrato il Paxlovid sono stati ricoverati e nessuno di loro è morto entro 28 giorni dall’assunzione del farmaco. Per i pazienti del gruppo “placebo”, che non hanno ricevuto la pillola, risulta invece un tasso di ricovero del 7% e 7 morti. 

Secondo Pfizer, la pillola andrà somministrata in combinazione con un altro farmaco antivirale, il ritonavir. Il trattamento consigliato è di tre pillole da prendere due volte al giorno. Al momento Pfizer sta cercando di accelerare i tempi. La commissione di esperti che sovrintendeva la sperimentazione ha consigliato di fermare lo studio, visti gli ottimi risultati già ottenuti. L’azienda farmaceutica ha intenzione di chiedere l’autorizzazione all’autorità sanitaria americana, l’FDA, per cominciare subito la produzione e diffusione in commercio del Paxlovid. Se l’FDA prenderà una decisione in tempi brevi, la pillola potrebbe essere disponibile entro l’anno.

La comunità scientifica: “Risultati impressionanti”

C’è molto entusiasmo nella comunità scientifica per i risultati ottenuti da Pfizer nella ricerca di un farmaco efficace contro il Covid-19. Ashish Jha, rettore della Scuola di Sanità Pubblica della Brown University, ha commentato la notizia con un tweet:“Risultati impressionanti. L’esistenza di terapie efficaci può avere un impatto enorme nella lotta contro la pandemia”.

 

La dottoressa Grace Lee, professoressa di Pediatria alla Scuola di Medicina della Stanford University, ritiene che le pillole potrebbero essere un ottimo supporto ma che si dovrà continuare a fare affidamento sui vacciniI vaccini saranno ancora lo strumento più affidabile ed efficace a nostra disposizione in questa pandemia. Questi farmaci orali ci aiuteranno a ridurre di molto il rischio di contrarre la malattia in modo grave, di ricovero e di morte. È un risultato enorme, ma la pillola non preverrà il contagio“.