Nigeria, strage in chiesa: 50 morti e diversi feriti. Il Papa è in preghiera

Nigeria, strage in chiesa cattolica: nelle ultime ore il numero delle vittime è salito ancora di più così come quello dei feriti.

Nigeria, strage in chiesa cattolica: terribile domenica di sangue che ha scosso tutto il mondo cristiano cattolico ancora una volta per una violenza inaudita e inspiegabile.

Nigeria, strage in chiesa: 50 morti e diversi feriti

Domenica 5 giugno 2022, c’è stato un durissimo attacco nella chiesa cattolica di Saint Francis in Nigeria. Nella serata di domenica, il numero delle vittime è arrivato a circa 50, con un numero imprecisato di feriti anche molto gravi o segnalati come deceduti in ospedale.

Un video che circola su internet mostra i corpi di alcune delle vittime riversi sul pavimento della chiesa in pozze di sangue.

Inoltre, in un primo momento le notizie che sono arrivate parlavano anche di alcuni rapimenti, tuttavia è stato smentito che siano stati rapiti sacerdoti o fedeli. Riguardo i colpevoli, un’organizzazione locale che rappresenta gli interessi dell’etnia Yoruba ha puntato il dito contro i pastori Fulani.  L’assalto alla chiesa di Saint Francis sarebbe diretto contro il governatore Akeredolu per il suo “rigoroso rispetto della legge sul pascolo aperto”, ha sostenuto l’associazione Afenifere, aggiungendo che “i terroristi, per lo più stranieri fulani, dovrebbero essere catturati e uccisi”.

Il Papa è in preghiera

Il Vaticano ha fatto sapere che il Papa, informato dell’attacco alla chiesa perpetrato durante la celebrazione della Pentecoste, “prega per le vittime e per il Paese, dolorosamente colpiti in un momento di festa, e affida entrambi al Signore, perché invii il Suo Spirito a consolarli”.

Inoltre, sono arrivate alcune parole anche dal Ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “Ferma condanna per questa terribile strage bambini, donne e uomini innocenti, vittime di una violenza inaudita”.

 

LEGGI ANCHE: Cremona pride 2022, polemiche per la Madonna con i seni scoperti. Il vescovo: “Sconcertati”