Lombardia, Guido Bertolaso nuovo assessore al welfare

Dopo le dimissioni di Letizia Moratti come assessore al welfare, il governatore lombardo Regione Attilio Fontana ha nominato Guido Bertolaso

Sarà Guido Bertolaso il nuovo assessore al Welfare della Lombardia dopo le dimissioni di Letizia Moratti, ex vicepresidente e assessore al welfare. Ad annunciarlo è stato il governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana. 

Lombardia, Guido Bertolaso nuovo assessore al welfare

Dopo le dimissioni di Letizia Moratti dalla Giunta di Regione Lombardia, il presidente della Regione Attilio Fontana ha nominato al suo posto Guido Bertolaso. Già all’interno della macchina amministrativa Regionale che si è occupata delle campagne vaccinali, il nome di Guido Bertolaso era circolato anche come possibile ministro della salute. “Procediamo immediatamente alla nomina di un assessore al welfare – ha fatto sapere Attilio Fontana – che si occupi, senza distrazioni politiche, esclusivamente dei bisogni dei cittadini a partire dagli interventi sulle liste di attesa.

 Per questo, dopo aver informato i leader del centrodestra, ho deciso di affidare la delega del Welfare al dott. Guido Bertolaso, protagonista della campagna vaccinale in Lombardia e profondo conoscitore della macchina operativa della sanità lombarda”.

Leggi anche: Bertolaso: “Pronti per la terza dose in Lombardia”. E torna centrale nella struttura regionale

L’attacco di Fontana a Moratti

In merito poi alle dimissioni di Letizia Moratti, Attilio Fontana è stato duro.

I dubbi che avevo espresso sul posizionamento politico di Letizia Moratti erano fondati – ha fatto sapere – ed è chiaro che guarda verso sinistra e non da oggi. È sorprendente che l’assessore al Welfare oggi dichiari che l’azione della Giunta non sia sufficiente. Ne fa parte da un anno e mezzo e non mi pare abbia mai sollevato problemi. Ciò che però oggi conta è che l’eccellente lavoro sulla campagna vaccinale e sul recupero delle prestazioni frenate dal Covid, non si fermi.

Su questo sono impegnati i direttori generali di tutte le Ats e Asst della Regione ed è necessario non perdere nemmeno un attimo”.