Igor Volobuev, chi è il magnate russo che difende l’Ucraina: “Putin è un criminale”

Chi è Igor Volobuev, l'ex dirigente russo ora dalla parte dell'Ucraina: "Putin è un criminale che va processato, distruggerà gli ucraini".

Chi è Igor Volobuev, il magnate russo che ha cambiato bandiera e difende l’Ucraina. L’ex manager di Gazprom e Gazprom Bank ha lasciato la Russia, dove viveva da oltre trent’anni. Ha deciso di tornare nel suo paese d’origine per unirsi alla resistenza: “Putin va processato, vuole distruggere gli ucraini”.

Chi è Igor Volobuev, ex manager di Gazprom che combatte con gli ucraini

Nato a Okhtyrka, in Ucraina, cinquant’anni fa, Igor Volobuev era un importante manager russo fino a pochi mesi fa.

Ha vissuto per 32 anni nella Federazione Russa, scalando le gerarchie di Gazprom, la multinazionale che controlla il gas naturale russo, e delle terza banca privata del paese, Gazprombank. Volobuev era il vice presidente dell’istituto bancario russo, posizione che ha ricoperto fino allo scorso marzo, quando è fuggito dal paese per unirsi alle forze di difesa territoriale di Kiev“Non potevo guardare da bordo campo cosa stava facendo la Russia alla mia patria” ha affermato l’ex manager.

Non è la prima figura di spicco della classe dirigenziale russa a lasciare il paese dall’inizio dell’invasione. Prima di lui, sono fuggiti verso l’occidente Lev Khasis, ex vice presidente della banca di stato SberbankElena Bunina, CEO del “Google russo” Yandex, e Andrei Panov, numero due della compagnia aerea Aeroloft.

Le parole dell’ex manager: “Putin è un criminale, è pronto a distruggere gli ucraini”

In un’intervista in diretta a Zona Bianca, Volobuev si è scagliato contro il leader del Cremlino, Vladimir Putin“Quale obiettivo può giustificare la distruzione delle città, la morte di decine di migliaia di persone? Putin odia gli ucraini, è pronto a distruggerli.

Ma è anche il presidente della Russia e sta distruggendo anche il suo popolo. Putin è un criminale, che va processato“.

L’ex manager ha poi affermato di sentirsi in colpa per quello che sta succedendo: Questo crimine è commesso da Putin, dal governo russo, e anche dai russi. Non è Putin a uccidere gli ucraini, a saccheggiare le loro case, stuprare le donne in Ucraina. Sono i russi. E anche se sono di origine ucraina, anche io ne sono responsabile.

Mi vergogno perché la mia responsabilità è doppia: non solo sono un russo, ma sono nato in Ucraina dove sono vissuto per 18 anni”.

Secondo Volobuev, inoltre, le misteriosi morti dei magnati delle scorse settimane non sono casuali. Riguardo alla morte di Sergey Protosenya, ha dichiarato: “Al momento del suo presunto suicidio, era ancora primo vice presidente di Gazprombank. Non credo che fosse capace di uccidere la sua famiglia. Penso che sia stata una messinscena.

Perché? È difficile da dire. Potrebbe aver saputo qualcosa. Avrebbe potuto essere una minaccia”.