Harvey Weinstein accusato di stupro dalla moglie del governatore della California: il racconto della donna

Harvey Weinstein è sempre di più nel vortice delle accuse di stupro. A 70 anni ormai la sua vita finirà senza dubbio in carcere.

Harvey Weinstein è finito al centro di un’altra accusa di stupro. Questa volta a puntare il dito contro l’ex produttore cinematografico è stata Jennifer Siebel Newsom, regista e moglie del governatore della California Gavin Newsom.

Harvey Weinstein accusato di stupro dalla moglie del governatore della California

Jennifer Siebel Newsom, regista e moglie del governatore della California Gavin Newsom, ha accusato di essere stata violentata dall’ex produttore cinematografico Harvey Weinstein. Condannato a New York a 23 anni di carcere per reati sessuali e stupro, è accusato al processo di Los Angeles di altri quattro stupri, quattro rapporti orali forzati, penetrazione sessuale con la forza e altri abusi, tutti compiuti in un periodo che va dal 2004 al 2013.

Il racconto della donna

Siebel Newsom ha raccontato la sua esperienza, rispondendo alle domande del team di legali dell’imputato. La donna ha raccontato alla corte di aver incontrato Weinstein quando lei aveva 31 anni ed era il 2005. I due erano in un bar con altre persone, riunite per il Toronto Film Festival. “A un certo punto – ha raccontato – ho visto questa persona importante venire verso di me ed è stato come se tutti si fossero fatti da parte, tipo Mar Rosso”.

“Ho pensato – ha continuato – che fosse giusto andare, poteva darmi utili consigli. Pensavo ci fosse un genuino interesse a parlarmi di lavoro, ma lui era preso a ripetermi quanto fossi speciale”. Siebel ha visto che Weinstein si era come chinato su se stesso, e le aveva chiesto: “Puoi aiutarmi?”. “È stato a quel punto – ha raccontato – che ho visto che si stava toccando. A quel punto mi ha afferrata”, ha aggiunto, cominciando a piangere.

Quando l’accusa le ha chiesto perché fosse andata a trovarlo in camera, Siebel ha risposto: “Perché non puoi dire no a Harvey Weinstein. Poteva lanciare o rovinare la tua carriera. Io pensavo che avrei parlato solo dei miei progetti”. 

 

 

LEGGI ANCHE: Parigi 2024, mascotte delle Olimpiadi presentata ed è subito polemica: ecco i motivi