Live

Green pass per andare al supermercato: la proposta di Sandra Zampa, responsabile Salute del Pd

Green pass obbligatorio per entrare nei supermercati: è questa la proposta di Sandra Zampa, responsabile Salute del Pd.

Green pass obbligatorio per entrare nei supermercati: è questa la proposta di Sandra Zampa, responsabile Salute del Pd.

Green pass nei supermercati per Sandra Zampa

Per Sandra Zampa il green pass dovrebbe essere obbligatori anche per entrare nei supermercati: “Dipendesse da me lo renderei obbligatorio anche per entrare al supermercato. Se può rappresentare una ulteriore spinta per convincere gli indecisi a prendere l’appuntamento con le due dosi, varrebbe la pena prevederne un uso a tutto raggio”.

Sandra Zampa, ex sottosegretaria, ora responsabile della Salute nel Partito democratico e consigliere del ministro Roberto Speranza, è chiara sull’estendere l’obbligatorietà del green pass ma anche dei vaccini

Sandra Zampa: vaccini obbligatori per i lavoratori

Sandra Zampa in un’intervista al Corriere della Sera sottolinea la necessità di esortare tutti i lavoratori a vaccinarsi: “Sono convinta che i lavoratori debbano essere esortati, spronati a vaccinarsi senza incertezze. Non c’è una tutela maggiore di questa. II vaccino è uno degli strumenti indispensabili per la sicurezza all’interno delle fabbriche. Inoltre è inaccettabile l’atteggiamento di chi si sottrae all’inoculazione pensando, egoisticamente, che ‘tanto la faranno gli altri e io sarò protetto da loro”. 

Zampa sulla possibilità della terza dose

Zampa, intervenuta a Radio 24, analizza la situazione epidemiologica in Italia e la possibilità di farsi trovare pronti nel caso di una terza dose di vaccino: “Ritengo che l’Italia sia ancora in una buona situazione, anche se probabilmente dovremmo intensificare di più la vaccinazione e raggiungere chi ha solo delle incertezze dando per scontato che i novax sono irraggiungibili, ma impedendo ai novax di comprarsi green pass falsi”. 

Per Zampa non bisogna assolutamente farsi trovare impreparati. “Dobbiamo fare in modo di correre e di non arrivare a prendere provvedimenti come la terza dose quando già ci siamo resi conto che le cose magari non stanno andando bene. Questa pandemia è una lotta contro il tempo, bisogna andare velocissimi, prevenire, capire cosa sta succedendo intervenire immediatamente. Se dovrà essere fatta la terza dose è una decisione che eventualmente deve essere presa presto fare in modo che la riapertura delle scuole non faccia ripartire i contagi”.