Con la guerra viaggiare in aereo è meno sicuro?

Con la guerra viaggiare è sicuro? Cosa è cambiato rispetto a prima dell'inizio del conflitto tra Russia e Ucraina?

Con la guerra in Ucraina viaggiare in aereo è diventato meno sicuro. L’allarme è stato lanciato dall’Aesa (Agenzia europea per la sicurezza aerea) che ha spiegato la situazione attuale. La domanda quindi è: con la guerra viaggiare è sicuro? Cosa è cambiato rispetto a prima?

Con la guerra viaggiare in aereo è meno sicuro?

La situazione vigente nel conflitto russo-ucraino ha comportato la chiusura dello spazio aereo sopra quel territorio, ma quello che accade nelle aree limitrofe è comunque oggetto di attenzione dell’Aesa (l’agenzia europea per la sicurezza aerea) e Ifalpa (la federazione internazionale dei piloti).

Questo perchè, a seguito di questo conflitto, la presenza di droni e le ripetute interferenze aeree hanno dimostrato che i cieli d’Europa sono diventati meno sicuri. Ciò ha spinto questi due importanti enti a diramare degli avvisi di sicurezza.

Leggi anche: Viaggi, paesi a rischio con la guerra in Ucraina: cosa cambia

L’allarme droni e interferenze

Dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina sono stati almeno 4 i casi segnalati di droni entrati nello spazio aereo.

Da febbraio in particolare, l’Aesa ha individuato ben 4 zone attenzionate che sono le seguenti:

  1. l’area compresa tra Kaliningrad (città della Russia) e il Mar Baltico;
  2. l’area della Finlandia orientale al confine con la Russia;
  3. l’area del Mar Nero;
  4. l’area del Mediterraneo dell’Est, tra Cipro, Turchia, Libano, Siria, Israele e Iraq settentrionale.

Secondo quanto riportato dal Corriere, infatti, c’è un problema di interferenze ai sistemi di navigazione degli aerei non di poco conto. I droni, invece, potrebbero intercettare e andare a scontrarsi contro gli aerei civili.