Austria, obbligo vaccinale approvato. È il primo paese in Europa

Austria, obbligo vaccinale per i cittadini che abbiano compiuto 18 anni. Il primo paese d'Europa a prendere questo tipo di scelta.

Austria, obbligo vaccinale: decisi passi avanti da parte del governo. Pugno duro contro i non vaccinati che saranno costretti a dover scendere a patti con il vaccino per poter avere libertà e possibilità di non ricorrere in multe salate.

Austria, obbligo vaccinale approvato

Il Parlamento austriaco ha approvato l’obbligo vaccinale con una larga maggioranza: i deputati hanno votato 137 a favore, 33 contro. L’obbligo si applicherà a tutti i residenti in Austria con età pari o superiore a 18 anni.

Sono previste esenzioni per le persone in gravidanza, che per motivi medici non possono essere vaccinate o che si sono riprese da un’infezione da coronavirus negli ultimi sei mesi.

Posizione dura intanto presa contro i coloro che non ancora si sono sottoposti al vaccino. Infatti, il governo ha prolungato il lockdown per i non vaccinati fino a fine mese.

È il primo paese in Europa

L’Austria è il primo paese nell’Unione Europea ad applicare e decretare l’obbligo vaccinale.

Il ministro della Salute, Wolfgang Mückstein ha presentato il progetto di legge e ha commentato così: “Si tratta di un grande e, per la prima volta, duraturo passo” nella lotta alla pandemia. “Questo è il modo in cui possiamo riuscire a sfuggire al ciclo di aperture e chiusure, di lockdown”, ha proseguito. “Ecco perché questa legge è così urgentemente necessaria in questo momento”.

LEGGI ANCHE: Austria, l’ex calcelliere Kurz lascia la politica: ecco perché