Chi è Alessandro Tomasi, primo sindaco di destra a Pistoia dal 1944: vita, carriera, partito, liste

Chi è Alessandro Tomasi, primo sindaco schierato a destra a Pistoia dai tempi del Partito Fascista. Tutto su vita, carriera, partito e liste del politico.

Chi è Alessandro Tomasi, il primo sindaco di Pistoia schierato col centrodestra dai tempi del dopoguerra. Dopo la vittoria alle amministrative del 2017, Tomasi insegue il suo secondo mandato nella città toscana. Scopriamo qualche informazione in più su di lui: dalla vita e carriera, ai partiti e liste a suo sostegno.

Chi è Alessandro Tomasi, primo sindaco di destra a Pistoia dal 1943: vita, carriera

Nato a Pistoia il 18 settembre 1979, Alessandro Tomasi è un politico italiano, primo sindaco schierato col centrodestra ad essere eletto nella città toscana dal 1944.

Pistoia è stata infatti una roccaforte dei partiti del centrosinistra per decenni: prima di Tomasi, l’ultimo sindaco di destra risaliva al periodo fascista.

Tomasi ha una moglie, Stella, sposata nel 2010 e madre dei suoi due figli piccoli: Manfredi Marco. Dopo la laurea in Scienze Politiche, alterna il suo lavoro come commerciante a un importante impegno politico. Nel 2007, tra le fila di Alleanza Nazionale, ottiene il suo primo incarico come Consigliere Comunale, ruolo nel quale viene rieletto nel 2012 con Il Popolo delle Libertà.

Nel 2013 si candida per la Camera dei Deputati, senza successo. Poi, nel 2017, vince le elezioni amministrative e diventa primo cittadino di Pistoia, spodestando al ballottaggio il sindaco uscente Samuele Bertinelli.

Partito, liste e la ricandidatura nel 2022

Nel 2022 Tomasi insegue il suo secondo mandato alla guida di Pistoia. È sostenuto dal suo partito, Fratelli D’Italia e dalle altre forze e liste del centrodestra. Lo supportano Lega, Forza Italia, Ale Tomasi sindaco e Amo Pistoia 2040.

Secondo i primi dati dai seggi, Tomasi sarebbe molto vicino alla riconferma. Il sindaco uscente è in testa con il 51,6% dei voti, con la sua principale rivale Federica Fratoni ferma invece al 27,9%. A meno di colpi di scena, Tomasi potrebbe vincere già al primo turno.