Economy I rider di Deliveroo contro l'algoritmo

I rider di Deliveroo contro l’algoritmo

Dire che i rider sono i nuovi lavoratori a cottimo è ormai riduttivo. Lo sono, certo, ma con un’aggravante notevole: avere un algoritmo come “capo”, un’interfaccia al posto di un interlocutore umano. Un’interazione impossibile e confusa nella quale la parte dei rider pare destinata a perdere sempre, come dimostra l’ultimo caso che ha coinvolto Deliveroo.

Secondo Repubblica, infatti, il boom delle consegne via app non avrebbe favorito le condizioni dei lavoratori, finendo anzi per peggiorarle: una consegna che un tempo fruttava a un rider 4,50 euro (lordi), oggi vale appena 3,77 euro. Che è successo?

A cambiare sono stati alcuni parametri di pagamento: ad esempio, Deliveroo aveva annunciato di voler pagare in base alla distanza percorsa dal rider. Sembrerebbe una buona idea, quella di compensare il percorso fatto in bici, motorino o auto. Peccato che l’algoritmo renda questo calcolo fumoso, perché la distanza è difficilmente calcolabile attraverso l’app. “Non si sa, non si può quantificare – ha detto Elio Sabbatini, rider trentenne –, per questo chiediamo una interlocuzione sull’algoritmo”.

Deliveroo ha negato quanto denunciato dai rider, definendo la notizia “priva di ogni fondamento” e ricordando che i minimi “sono regolati dal Contratto collettivo nazionale tra AssoDelivery e Ugl”, di cui True Working si è già occupato. Ma ha anche aperto alla discussione sull’algoritmo, ammettendo che “un algoritmo astratto non saprà mai trovare soluzioni vantaggiose”.

Viste le recenti aperture in temi di diritti dei lavoratori fatte da Just Eat, sarebbe ora che anche Deliveroo e il resto della concorrenza facesse la sua parte.

(Foto: Flickr / Deliveroo)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi 2021: Di Francisca, Velasco e il giornalismo dei buonisti. A Tokyo è vietato criticare

La Rai allontana Elisa Di Francisca dopo le critiche alla squadra di Fioretto femminile e lo scontro con Julio Velasco. Ipocrisie di un giornalismo che non critica mai nessuno

Russia, scopre di aver dato alla luce il figlio di un’altra donna: errore durante la fecondazione in vitro

Dà alla luce il figlio di un’altra donna, per un errore durante una fecondazione in vitro in Russia. Gli embrioni erano stati scambiati.

Incendi in Sardegna: Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. “Questa emergenza mi ha toccato in prima persona”

Per incendi in Sardegna Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. E il Banco di Sardegna presenta due misure per aiutare tutti.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Varie ed eventuali su Just Eat, quote rosa e Olimpiadi invernali Milano-Cortina

Bergamo e Brescia depongono l'ascia di guerra mentre avanzato le quote rosa nell'industria alimentare Rondanini. E Just Eat...

Be cresce: valore di produzione oltre i 106 milioni (+27,8% sul 2020)

"Produzione oltre i 106 €/mln con un +27,8%, +35% sull’EBITDA Y/Y e +58,1% sull’EBT Y/Y. Sono risultati importanti derivanti sia da una...

La Cassazione sul diritto al rimborso degli oneri fideiussori sostenuti dai contribuenti per l’ottenimento dei rimborsi IVA “accelerati”

La Cassazione ha precisato gli aspetti legati ai termini per poter richiedere il rimborso degli oneri fideiussori

Rai, c’è un nuovo “caso Report”. Anche Helbiz vuole conoscere le fonti anonime di Sigfrido Ranucci

Dopo la puntata di Report "Il mago di Helbiz", anche il colosso dei monopattini elettrici vuole conoscere le fonti anonime di Sigfrido Ranucci. Ha presentato una richiesta di accesso agli atti al Comune di Milano

Pnrr e criminalità organizzata, così le mafie puntano ad appalti e green economy

Grandi opere, infrastrutture digitali, rischio idrogeologico, green economy: il pnrr è in arrivo, ma va difeso dagli appetiti