Economy La sconfitta della sinistra a Cinque Stelle

La sconfitta della sinistra a Cinque Stelle

Quello che esce dalla crisi di governo scatenata da Matteo Renzi è un Movimento 5 Stelle diviso, spaccato in due. E una di queste metà è sicuramente più malridotta – e isolata – dell’altra: quella di sinistra, più vicina ai temi dell’assistenzialismo e alla tutela del lavoro. Un manipolo di parlamentari malvisto da destra, ovviamente, ma anche da un pezzo del Partito Democratico – per tacere di Italia Viva, il cui leader si è da poco dichiarato “geloso” del costo del lavoro in Arabia Saudita – e dagli altri pentastellati, decisi a provare un’altra strada.

Il salario minimo

Con questo spacco il M5S perde di fatto la sua frangia “lavorista”, quella che nel corso del primo governo Conte ha spinto per il Reddito di Cittadinanza e che stava lavorando in tempi più recenti alla riforma del salario minimo. Quest’ultimo è un punto nevralgico, e lo sarà anche per il prossimo governo: come già scritto da True Working, l’Unione Europea ha chiesto a tutti i suoi membri di adottare dei “livelli minimi di retribuzione”, aprendo a un salario minimo italiano. Anche per questo la parte più a sinistra del M5S aveva dialogato con personalità quali Marta Fana, economista e autrice di Basta salari da fame (che non a caso ha pubblicamente salutato la ministra del lavoro Nunzia Catalfo, tra le principali attrici della corrente grillina oggi in crisi).

Un altro fronte aperto – o destinato ad aprirsi – è quello sul Reddito di Cittadinanza, di cui alcuni partiti chiedono l’abolizione ma che molti vogliono semplicemente riformare – o meglio, privatizzare, specie per quanto riguarda le politiche attive di ricerca del lavoro, che fanno gola alle agenzie private ma che ora fanno capo al pubblico. Da qualunque punto di vista si osservi la situazione, comunque, una cosa è certa: c’è una parte di Movimento che pesa meno di prima. Staremo a vedere cosa sceglierà di fare, e che ne sarà delle loro istanze sul lavoro.

(Foto: YouTube)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura