Fit for 55, il futuro dell’auto spacca il Parlamento Ue

Il Parlamento Ue mette ai voti il pensionamento del motore a benzina entro il 2035. Sarà lotta all'ultimo voto per il pacchetto Fit for 55

Mandare in pensione il motore a combustione interna non è semplice. Lo sa bene il Parlamento europeo alle prese con una votazione per decidere la fine alla vendita di nuove auto e furgoni a benzina e diesel a partire dal 2035. La revisione della legislazione sugli standard CO2 per automobili e furgoni è una parte fondamentale del pacchetto Fit for 55 della Commissione e mira a mettere l’industria, che rappresenta un quinto delle emissioni di gas serra del blocco, sulla buona strada per soddisfare il clima a lungo termine dell’UE per il 2050 obiettivi.

Ma la politica europea è spaccata sul tema.

La spaccatura

Una raffica di emendamenti può cambiare il volto (e l’efficacia) del pacchetto Fit for 55, l’insieme di leggi e regolamenti con cui l’UE vuole mettersi in carreggiata per tagliare le emissioni del 55% entro la fine di questo decennio.

L’industria e gli eurodeputati di alcuni paesi produttori di auto stanno spingendo per una sospensione dell’esecuzione per i motori a combustione, sostenendo che è necessario per mantenere in vita i modelli ibridi plug-in.

Sfida all’ultimo voto

Su molti dossier non c’è accordo tra i partiti. I dibattiti nelle varie commissioni non sono bastati per trovare compromessi accettabili, come succede di solito. Così si andrà alla conta per la controproposta del Partito popolare europeo – che raggruppa un insieme di partiti di centrodestra – di modificare tale riduzione fino al 90 per cento senza una data fissa per l’eliminazione graduale.

In una camera da 705 deputati, i funzionari concordano che il margine di vittoria probabilmente non supererà i 15 voti. Sulla carta, il voto è una netta spaccatura tra Socialisti & Democratici, Renew Europe e Verdi – che sostengono una data di fine per il 2035 – contro partiti per lo più di destra che sostengono il 90%.

I due fronti contrapposti

“Andare contro la data del 2035 semplicemente non è compatibile con l’obiettivo climatico che abbiamo per l’Europa“. Ha affermato Alex Keynes, manager per i veicoli puliti presso Transport & Environment, una ONG. “L’eliminazione graduale di auto e furgoni con motore a combustione è un’opportunità storica per porre fine alla nostra dipendenza dal petrolio e renderci più sicuri dai despoti e dai cambiamenti climatici”.

Sull’altro fronte ci sono i contrari a un’eliminazione completa, che ostacolerebbe la più grande industria europea imponendo i veicoli elettrici. “Non mettiamo tutte le uova nello stesso paniere quando stabiliamo nuove regole per le auto pulite”, ha affermato Jens Gieseke, l’eurodeputato conservatore tedesco che guida gli sforzi per ridurre il mandato del 2035 al 90%. “Dobbiamo ridurre le emissioni assicurando al contempo che l’economia possa gestire la transizione sociale”.

In realtà, è molto più complicato.

La questione del lavoro nel settore automobilistico è fondamentale per i paesi dell’Europa centrale. Gli eurodeputati di Repubblica Ceca e Romania si sono schierati compatti con il fronte del 90%. Lo stesso vale per i polacchi che a Bruxelles sembrano orientarsi contro le indicazioni del governo di Varsavia che è a favore dell’eliminazione completa entro il 2035.

Lavoro contro ambiente

Lo scontro tra clima e lavoro ha dominato il dibattito nella plenaria del parlamento di martedì 7 giugno. “Non ascoltiamo i lobbisti dell’industria dei carburanti e le case automobilistiche che continuano a inviare e-mail”, ha affermato Karima Delli, un’eurodeputata francese dei Verdi.

“Staremo con i lavoratori in modo che le fabbriche non vengano chiuse”.

Ma Gieseke ha avvertito che la fine della vendita di auto con motore a combustione metterebbe a rischio circa 500.000 posti di lavoro. Sostenere l’eliminazione graduale delle emissioni totali entro il 2035, senza introdurre un nuovo sistema di crediti per i carburanti sintetici o modificare il modo in cui vengono calcolate le emissioni delle case automobilistiche per consentire qualcosa di più dei semplici veicoli elettrici, significherebbe “limitare la scelta dei consumatori, soffocare l’innovazione e perdere il nostro vantaggio competitivo”, ha affermatoSigrid de Vries, capo lobbista della European Association of Automotive Suppliers.

L’esito del dibattito sulla CO2 delle automobili darà anche il tono alla revisione degli standard di emissione per le automobili, che la Commissione dovrebbe pubblicare entro la fine dell’anno. “Se falliamo con le auto, ovviamente falliremo con i camion”, ha affermato Pascal Canfin, l’eurodeputato liberale francese che presiede la commissione per l’ambiente. “Per l’intero settore del trasporto su strada cederemmo alla neutralità climatica”.

Cosa potrebbe cambiare

Quali sono i pezzi del pacchetto Fit for 55 più in bilico? Una modifica cruciale che potrebbe alzare l’ambizione invece di affossarla, riguarda la riforma del mercato del carbonio. La Commissione ha proposto come target una riduzione delle emissioni nei settori coperti del 61% al 2030, ma alcuni emendamenti chiedono che sia alzato almeno al -67%.

Ben diversa la situazione del Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM). La tassa sul carbonio alla frontiera introdurrebbe dei dazi alle merci in entrata prodotte in paesi con standard climatici meno ambiziosi di quelli UE. Un sistema che non può convivere con i permessi gratuiti dell’ETS, ancora distribuiti a molti settori ad alta intensità energetica come acciaio e cemento. L’aula di Strasburgo è spaccata su come modulare il ritiro delle quote gratis, con opzioni per il phase out al 2030, 2032 o 2035.

Altri dossier spinosi riguardano le emissioni auto. La proposta originaria del pacchetto Fit for 55 prevede che entro il 2030, i valori emissivi per auto (95 g CO2/km) e furgoni (147 g CO2/km) scendano del 55%. E appena 5 anni dopo arrivino a zero. Tra gli emendamenti molti rilassano questi parametri, puntando su un -90% entro il 2035.