Non solo Insigne, gli italiani in Canada per rilanciare il calcio nordamericano

A breve Lorenzo Insigne si accaserà al Toronto FC. Una grossa opportunità di rilancio in vista del mondiale 2026 in Usa, Canada e Messico

Tempo di saluti. Domenica 15 maggio Lorenzo Insigne ha salutato il pubblico del San Paolo. Dopo dieci stagioni il capitano saluterà Napoli. Ad attenderlo c’è l’America, o meglio, il Canada: dal 1 luglio sarà un giocatore dei Toronto FC, squadra canadese che gioca in MLS, la massima serie statunitense e canadese. Insigne è solo l’ultimo di una serie di italiani che sono volati oltreoceano, attirati dalle sirene di un calcio in crescita.

I Toronto FC

La Maple Leaf Sport&Entertainment (MLSE) è una società fondata alla fine degli anni ’20 da Conn Smythe, imprenditore canadese che decise di metter su un gruppo di investitori per rilevare parte della decadente squadra di hockey della sua città, i Toronto St. Patricks. La squadra venne ribattezzata Toronto Maple Leafs e poco dopo, nel bel mezzo della Grande Depressione, Smythe trovò i fondi per darle una nuova casa: il Maple Leafs Gardens.

Fondò quindi la MLSE Limited per gestire sia la franchigia che l’immobile.

La società, proprietaria dell’arena fino al 2004, ha avuto modo di espandersi investendo nello sport, negli immobili e nella comunicazione. Oggi la MLSE gestisce, oltre alla storica compagine di hockey, diversi team professionistici: uno di basket (i Toronto Raptors, nei quali hanno militato anche Belinelli e Bargnani), uno di football e uno di calcio, il Toronto FC.

Il pioniere Giovinco

Il TFC è un club nato nel 2005 ed entrato in MLS (serie A nordamericana) nel 2007. Dopo gli scarsi risultati iniziali, l’arrivo negli uffici di due vecchie conoscenze del nostro calcio come Jürgen Klinsmann e Aron Winter ha smosso le acque. Le campagne acquisti di quegli anni hanno portato nella rosa giocatori di altissimo livello per il campionato americano: Frings, Gilberto, Bradley, Defoe, Júlio César e, soprattutto, Sebastian Giovinco.

Nel 2015 Giovinco è diventato il giocatore più pagato della lega e il calciatore italiano più pagato al mondo.

Nel suo primo anno in MLS la Formica Atomica ha realizzato il maggior numero di reti e di assist, venendo nominato miglior giocatore del torneo e aiutando la squadra a raggiungere per la prima volta i playoff. Con lui il TFC è riuscito, nel 2017, a vincere con il record di punti il campionato – prima volta per una squadra canadese -, il Supporters’ Shield e la coppa di lega, realizzando il primo domestic treble (tripletta nazionale).

Impatto italiano

Giovinco ha avuto un impatto incredibile non solo dal punto di vista sportivo. Grazie alle sue prestazioni Toronto, una delle più grandi comunità di italiani emigrati o di seconda e terza generazione, è diventata l’orgoglio calcistico del Paese. È quindi chiaro che l’attuale dirigente sportivo della squadra, Bill Manning, stia puntando molto sul Made in Italy per rilanciarla dopo i risultanti non esaltanti ottenuti dopo la partenza di Seba nel 2019.

Non gli sono infatti sfuggite l’euforia e l’entusiasmo che si è scatenato per le strade della città dopo la vittoria della Nazionale agli Europei.

Ed ecco, a pochi mesi dal trionfo azzurro, l’annuncio dell’ingaggio di Lorenzo Insigne, condito dalla candida dichiarazione con la quale Manning ammette di essersi informato su Transfermarkt: “Ho consultato i giocatori della Nazionale italiana su questo sito, soffermandomi su quelli in scadenza. E lui era uno dei pochi.

[…] Il club non ha fatto acquisti per due intere stagioni per la pandemia e Insigne sarà un giocatore che la gente vuole venire a vedere perché c’è sempre la possibilità che faccia qualcosa di indimenticabile”.

Acquisto in ottica mondiale

“Guess I know what jersey I’m buying” (“Credo di sapere quale maglietta comprerò”) Tifoso del TFC sotto il post che annuncia l’ingaggio di Insigne

La trattativa è andata in porto grazie agli aiuti di Andrea D’Amico, agente di Giovinco. E soprattutto di Lino Di Cuollo, ex vicepresidente della MLS, che ha inquadrato l’operazione anche in un’ottica di prestigio in vista dei Mondiali del 2026, assegnati a Stati Uniti, Canada e Messico. Per quel periodo Insigne teoricamente giocherà ancora in Canada, visto che il suo contratto faraonico scadrà nel 2028.

Toronto chiama, Napoli risponde

Un investimento importante che può contare su numerosi fattori che assicurano un ritorno economico. Toronto, secondo una ricerca del 2018 dell’istituto americano Demographic, è l’ottava città al mondo con persone di origine napoletana, circa 500 mila. È probabile che l’arrivo di Insigne aumenterà l’interesse e le opportunità di sponsorizzazione per le stelle più importanti che giocano nel continente. Inoltre, il TFC ha da poco annunciato anche l’ingaggio di un altro campano, il capitano del Genoa Criscito.

“Toronto ha una delle più grandi comunità italiane al di fuori dell’Italia. Con il covid la presenza di tifosi non sarà stata molto alta, ma questo di sicuro farà balzare in alto i numeri”)

“È bello vedere l’ambizione delle squadre di Toronto degli ultimi anni, considerando quanto dannatamente ricche siano. Insigne dovrebbe illuminare il campionato” – Tifosi del Toronto

Una ricca opportunità

Manning ha spinto per l’ammodernamento dell’impianto sportivo e per la promozione di Toronto come città ospitante per il Mondiale, una gigantesca opportunità commerciale per l’Ontario. Il ritorno economico, in caso di qualificazione italiana alla Coppa del Mondo del 2026, sarebbe incalcolabile.

La MLSE ha infatti avuto l’opportunità, per usare le parole di Manning, di avere il “muscolo commerciale” capace di sfruttare l’interesse del pubblico sotto forma di abbonamenti, merchandising e sponsorizzazioni. “Riteniamo questo impegno finanziario un ottimo investimento, sia dal punto di vista competitivo che commerciale”. Bisogna pensare infatti anche alla curiosità che la squadra canadese susciterà in Europa, e quindi i ricavi economici dei quali potrà beneficiare.

Anche se, con gli arrivi di Insigne e di Criscito, per la prossima stagione il Toronto non avrà più posto per giocatori stranieri. Sono quindi improbabili nuove incursioni nel nostro mercato, almeno per il momento. Ma il 2026 è ancora lontano, e le sorprese dei manager canadesi potranno ancora stupire.