Mihajlovic videochiamata ai suoi giocatori dall’ospedale

Mihajlovic videochiamata: l'allenatore serbo lo aveva promesso e così è stato. Segue e incoraggia i suoi giocatori anche a distanza.

Mihajlovic videochiamata: il collegamento dalla camera dove è ricoverato per leucemia, l’allenatore serbo ha voluto lanciare un messaggio di incoraggiamento ai suoi giocatori in vista della prossima partita.

Mihajlovic videochiamata ai suoi giocatori dall’ospedale

Sinisa Mihajlovic lo aveva detto: non si sarebbe fermato e avrebbe seguito i suoi ragazzi anche dall’ospedale e così è stato. In collegamento dalla camera dell’ospedale di Bologna, dove è ricoverato per la ricomparsa della leucemia, l’allenatore serbo ha incoraggiato i giocatori in vista della prossima partita in campionato: “Non ci sarò fisicamente ma mentalmente sì.

Ci sarò sempre”, ha detto il mister serbo. “La camera è allestita, vedo tutti gli allenamenti e le partite sono in collegamento con lo staff. Io nella mia stanza di ospedale non mollerò un centimetro e lotterò per voi e sono sicuro che voi lotterete per meAbbiamo superato tutto questo già una volta e voi siete stati meravigliosi: possiamo rifarlo, non ho dubbi e sono sicuro che sarà così. La vita non si vive in assenza di problemi ma nonostante i problemi non è una linea dritta, ci sono anche le buche, ma ci rialziamo.

E niente paura a San Siro, nonostante i 60mila spettatori. Andate e giocate”.

Mihajlovic, la malattia ritorna

L’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic sabato 26 marzo in una conferenza stampa ha fatto un triste annuncio. Infatti, nella vita del serbo è ritornata una battaglia da affrontare ancora.  “Come sempre gioco a viso aperto. Svolgo ciclicamente analisi approfondite dopo la malattia, in questi anni la ripresa è stata ottima ma purtroppo dalle ultime analisi sono emersi dei capannelli di allarme e c’è il rischio di una ricomparsa della malattia. Sono pronto a darle un’altra lezione.

La malattia è coraggiosa nel tornare ad affrontarmi. All’inizio della prossima settimana dovrò assentarmi e sarò ricoverato al Sant’Orsola. So di essere in ottime mani. Questa volta, rispetto a 2 anni fa, mi vedete più sereno. So cosa devo fare e la situazione è diversa da allora. Mi dovrò assentare, spero che i tempi siano brevi ma dovrò saltare alcune partite“.