Sports Guerra e pace in casa Agnelli, ma la Juve dovrà tagliare i...

Guerra e pace in casa Agnelli, ma la Juve dovrà tagliare i costi

La guerra degli Agnelli, se c’è stata, è durata poco. Lo spazio di una settimana dopo il fallimento dell’eliminazione per mano del Porto dalla Champions League. Un processo interno, consumato sull’asse Elkann-Agnelli, che non è passato inosservato ai più attenti. E che stato aperto dalle bordate sparate alzo zero da La Stampa e Repubblica, i giornali in orbita famiglia.

Leggere la teorizzazione del fallimento di un progetto economico oltre che sportivo e di messa in discussione di chi negli ultimi due anni ha smontato e rimontato (male) il giocattolo bianconero è suonato ai più come preavviso di burrasca. Anche perché molte delle ultime scelte, a partire da quella di mettere in panchina il debuttante Pirlo, portano in calce la firma di Andrea Agnelli, più ancora di quelle della coppia Nedved-Paratici, il cui contratto scade a fine stagione ma che sono sostenuti in tutto e per tutto proprio dal presidente juventino.

Il processo si è consumato in pubblico e, forse, in privato. Poi è arrivata la tregua quando John Elkann ha approfittato dello studio di Porta a Porta per dettare la posizione ufficiale della proprietà sul presente e futuro della Juventus. “La Stampa sta randellando la Juve? Da juventino sono molto deluso, ritengo faccia bene a randellare” ha risposto, incalzato da Bruno Vespa. Per poi precisare: “Abbiamo una squadra che sta ringiovanendo e, come sappiamo bene, quando uno vuole costruire il futuro deve puntare sui giovani e questo comporta aggiustamenti”.

Tradotto: Andrea vada pure avanti, la strada dei ragazzi (seppure di talento) va bene e può anche costare l’interruzione della striscia vincente in campionato ma deve portare anche a un sostanzioso ridimensionamento dei costi. Perché la Juventus, fresca di aumento di capitale da 300 milioni di euro, ne ha persi 89 nel bilancio chiuso a giugno e nei primi sei mesi della stagione attuale è finita in rosso di 113. Con stipendi fuori controllo e ricavi abbattuti dal Covid. La cosa non è colpa di Andrea Agnelli, ma ha contribuito a cambiare lo scenario e ad accelerare la richiesta di ritorno alla sostenibilità da parte della Famiglia. Un mantra che i dirigenti della Juventus conoscono a memoria da decenni.

(Foto: Juventus)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Sos Inter… C’era una volta il nerazzurro

L’Inter campione d’Italia nella prossima stagione non vestirà nerazzurro ma un misto di due blu, chiaro e scuro, che si intrecciano su uno sfondo squamato

Andrea Pirlo dribbla l’esonero. Chi era pronto a sostituirlo… Rumors

Andrea Pirlo, nelle ore successive al tracollo con il Milan, è stato ad un passo dall'esonero. A Torino, dopo la disfatta interna...

Gli assembramenti? Sono legali (per gli ultras, ovviamente)

Alla faccia della pandemia, il Comune dà via libera alla festa

Il nuovo San Siro val bene una Cattedrale

Continuano le trattative tra Suning e Sala per il nuovo stadio

Mancini come Vieri? Il Ct della nazionale sta preparando una hit estiva

Dal pallone alla musica il passo è sempre più breve