Live

Esonero Solskjaer: ufficiale. Squadra affidata a Carrick poi tutto su Zidane

Esonero Solskjaer, è ufficiale. Via il tecnico dopo la brutta sconfitta per 4 a 1 in Premier League contro il Watford di Ranieri.

Esonero Solskjaer: con una nota ufficiale il Manchester United ha esonerato il tecnico che era sulla graticola da tempo. Fatale ed imbarazzante l’ultima sconfitta per 4 a 1 contro il Watford degli italiani Pozzo e Ranieri.

Esonero Solskjaer: ufficiale via l’allenatore

“Ole sarà sempre una leggenda – si legge nel comunicato – ma con rammarico abbiamo raggiunto questa decisione”.  Ole Gunnar Solskjaer non è più l’allenatore del Manchester United. Dopo una notte di riflessione, nella mattina di domenica 21 novembre, è arrivata l’ufficialità dell’esonero dell’allenatore ed ex calciatore proprio dei Red Evils.

In realtà, Solskjaer era in bilico già da diverse settimane, poi l’ultima sconfitta è stata fatale. Imbarazzante la sconfitta e il passivo nell’ultima partita di Premier League contro il Watford, allenato da Claudio Ranieri. Il 4 a 1 subito contro gli uomini di sir. Claudio è stata una sentenza che ha messo fine al rapporto tra l’allenatore, forse più apprezzato come calciatore. e la squadra inglese che in campionato deve rincorrere le prime 4 posizioni.

Manchester United: squadra affidata a Carrick poi tutto su Zidane

Dopo l’esonero, la squadra dovrebbe essere affidata a Carrick, allenatore in seconda. Però alcuni voci vogliono la squadra affidata provvisoriamente a Darren Fletcher, bandiera dei Red Devils e attuale direttore tecnico.

Gli obiettivi della dirigenza americana sono altri e la direzione è tutta francese. Il primo nome è senza dubbio quello di Zidane, libero sul mercato e già associato diverse volte alla panchina inglese. L’altro nome è quello di Blanc che ha dalla sua più esperienza per guidare grandi campioni. Zidane ritroverebbe alcuni suoi fedelissimi come Ronaldo e Varane con cui ha vinto tanto in Spagna e in Europa con il Real Madrid.

LEGGI ANCHE: Ronaldo e Pogba via da Manchester senza la Champions: clamoroso doppio addio