Dazn, problemi già alla prima giornata: indennizzi in arrivo. Intervengono Agcom e Lega di Serie A

Dazn, problemi riscontrati per diverse partite alla prima giornata di Serie A. Arrivano prima le scuse e poi i rimborsi.

Dazn, problemi durante la trasmissione di diverse partite della prima giornata di Serie A. Subito le polemiche degli utenti ma anche le richieste di chiarezza da parte di Agcom e Lega di Serie A. L’azienda invece si scusa e promette rimborsi.

Dazn, problemi già alla prima giornata: indennizzi in arrivo

Dazn, problemi già alla prima giornata di Serie A. La piattaformaha diffuso una nota in cui “si scusa profondamente con tutti gli utenti che non sono riusciti ad accedere al proprio account durante il weekend”.

 La piattaforma di streaming sottolinea che si è trattato di un “evento di natura eccezionale che ha impattato alcuni utenti in diversi mercati”.  Inoltre annuncia che “provvederemo a erogare un indennizzo a ciascun cliente interessato, che verrà corrisposto secondo modalità rese note nei prossimi giorni. È nostra responsabilità far sì che tutto funzioni. Questo l’impegno che ci prendiamo”.

Intervengono Agcom e Lega di Serie A

Non solo utenti in protesta, l’Autorità per le Garanzie nella Comunicazione fa sapere in una nota di aver chiesto alla piattaforma di streaming  che “a seguito dei gravi disservizi registratisi durante le trasmissioni delle partite di calcio della prima giornata del campionato di Serie A e delle numerose segnalazioni pervenute – si legge nella nota dell’Autorità – ha chiesto con urgenza chiarimenti a Dazn su quanto accaduto e su come la società sta operando per evitare il ripetersi di disservizi in occasione della prossima giornata. Agcom – prosegue la nota – ha anche chiesto a Dazn di provvedere celermente ad erogare gli indennizzi previsti dall’ultima delibera adottata dall’Autorità.

Agcom si riserva, a seguito degli approfondimenti e delle proprie valutazioni di adottare ogni iniziativa che si renderà necessaria”.

La Lega Calcio ha inviato una lettera a Dazn in cui sottolinea che “le rassicurazioni da voi ricevute in vista dell’avvio del campionato con la vostra comunicazione del 2 agosto si sono dimostrate del tutte insufficienti e ci troviamo, ancora una volta, costretti a chiedervi conto dei gravissimi disservizi che hanno danneggiato la visione degli eventi da parte di numerosi utenti durante la prima giornata di campionato.

È di tutta evidenza – prosegue la Lega nella lettera – che, quanto accaduto, riveste assoluta gravità e determina per la Lega e le società associate pregiudizio e danno irreparabile, anche sotto il profilo dell’immagine, oggettivamente lesa dalle notizie diffuse fin dalla serata di ieri dagli organi d’informazione e dai social media, trattandosi di eventi in diretta, non ripetibili, che si consumano in via definitiva al termine della gara”.

Si prosegue specificando che il “danno ulteriormente aggravato dalla circostanza che si era materializzato già nella prima stagione sportiva e si è oggi ripetuto all’inizio della seconda stagione sportiva (delle tre) previste dal contratto di licenza.

Vi intimiamo, pertanto, a fornirci dettagliate spiegazioni relativamente alla natura dei disservizi occorsi, alle numeriche degli utenti impattati nonché specificarci, a stretto giro, le misure che adotterete, con effetto immediato, per risolvere i disservizi accaduti ed evitare il ripetersi di fenomeni di malfunzionamento di siffatta gravità, al fine di garantire la qualità del servizio offerto agli abbonati come tassativamente richiesta dalle obbligazioni stabilite a vostro carico dal contratto di licenza, che richiamiamo integralmente”.

La Lega di A conclude la nota precisando che “in ragione di quanto sopra esposto a porre in essere ogni idonea azione atta a far si che i problemi tecnici da voi manifestati vengano risolti prontamente e, che tali disservizi, non si propongano nel prosieguo della stagione, ciò a tutela dell’immagine, del prestigio e dell’identità della Lega Serie A, delle società sportive, del valore del prodotto calcio e dei suoi tifosi.

Restiamo, quindi, in attesa di ricevere quanto richiesto con la massima urgenza e comunque entro e non oltre le ore 16 di oggi, 15 agosto, in ragione della disputa delle gare di campionato in programma in data odierna che vedono impegnate due società (Juventus e Napoli) con un grandissimo seguito di tifosi/utenti. Con ogni più ampia riserva di azione e ragione di danno a tutela della scrivente Lega, delle società associate e degli utenti fruitori del prodotto audiovisivo”.

 

LEGGI ANCHE: Casini, candidato alle prossime elezioni fa discutere ma Letta lo difende