Sports 775 milioni ai procuratori del calcio

775 milioni ai procuratori del calcio

Nel calcio della pandemia, in crisi di liquidità e a caccia di denari ovunque pur di restare in piedi, c’è una voce di spesa nel mirino senza che si riesca a intervenire. Il progetto di riforma del mondo degli agenti, procuratori e intermediari prevede un taglio netto dei compensi; è sul tavolo da almeno tre anni ma non arriva mai a risultati concreti. Anzi. I procuratori continuano a fare affari e ad arricchirsi risultando una tassa occulta sempre meno sostenibile per tutti. I numeri sono clamorosi: dal 2015 al 2019 la sola Serie A ha speso alla voce “Compensi agenti sportivi” qualcosa come 775.222.275,56 euro. Esatto. Oltre 775 milioni di euro con un crescendo inarrestabile dagli 84 del 2015 ai 187,8 dell’anno scorso. Nello stesso arco di tempo la Serie A ha accumulato un passivo di poco meno di un miliardo (-964 milioni), bruciando in pratica 500mila euro al giorno.

Nessuno dice apertamente che degli agenti si potrebbe fare a meno (anzi, molti club hanno di fatto sostituito le proprie professionalità interne appoggiandosi al manager amico dell’amico), ma lo squilibrio è evidente. Ci sono procuratori potenti ormai come e più dei direttori sportivi, oltre che ricchi. E casse dei club sempre più sotto pressione. Giusto per curiosità, nessuno si salva dalla tassa occulta. Nei cinque anni presi in esame la Juventus – sulla carta la società più strutturata e forte d’Italia – ha pagato 170 milioni di euro in compensi ad agenti, 99 l’Inter, 84 la Roma e 80 il Milan. Fifa, Uefa e Figc hanno fin qui fallito nel tentativo di limitare spese e influenza dei procuratori. Chissà che il Covid, col sistema alla canna del gas, non possa dare la spinta giusta alla riforma…

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Riccardo Muti: biografia, figli e carriera di un ambasciatore italiano nel mondo

Chi è Riccardo Muti, il celebre direttore d'orchestra che oggi, 28 luglio, compie 80 anni. Biografia, figli e carriera di un ambasciatore...

Stefano De Martino e Fiammetta Cicogna si sono sposati (ma è solo una scena di un film)

L’ex ballerino di Amici insieme alla modella e conduttrice Fiammetta Cicogna stanno girando il film dal titolo Il giorno più bello.

Chi è Aldo Montano, sciabolatore alla quinta olimpiade: età, carriera sportiva, vita privata – FOTO

Aldo Montano è uno sciabolatore italiano alla sua quinta partecipazione alle Olimpiadi. Un record a 43 anni.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Chi è Aldo Montano, sciabolatore alla quinta olimpiade: età, carriera sportiva, vita privata – FOTO

Aldo Montano è uno sciabolatore italiano alla sua quinta partecipazione alle Olimpiadi. Un record a 43 anni.

Gregorio Paltrinieri e la mononucleosi: che cos’è la malattia che lo ha messo in difficoltà alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Gregorio Paltrinieri e la mononucleosi: l'atleta ha rischiato di saltare le Olimpiadi di Tokyo. Ma il nuotatore azzurro non si è arreso

Federica Pellegrini finale Olimpiadi 2021, lacrime e commozione: “Finisce qui. E adesso…”. La Divina svela i suoi progetti

Per Federica Pellegrini la finale alle Olimpiadi 2021 è stata anche la sua ultima gara olimpica nei 200 m stile libero. Ecco le sue parole

Allegri in conferenza stampa su Bonucci:” Se vuole la fascia la compri e vada a giocare in piazza con quella”.

Allegri e Bonucci: un messaggio chiaro al difensore della Juventus. Non è tra le prime scelte per avere la fascia di capitano dei bianconeri.

Giorgia Bordignon, chi è la sollevatrice di pesi che ha conquistato l’argento a Tokyo

Giorgia Bordignon, originaria di Gallarate, è medaglia d'argento nel sollevamento pesi (categoria -64kg) a 34 anni