Politics Vittorio Feltri candidato a Milano per Fratelli d'Italia: "Io sindaco? Non ne...

Vittorio Feltri candidato a Milano per Fratelli d’Italia: “Io sindaco? Non ne ho voglia”

Vittorio Feltri, ex direttore del quotidiano Libero, si candida con Fratelli d’Italia capolista alle comunali di Milano. Il giornalista quindi, che tanto ha fatto parlare di sè per essere una penna pungente, entra di fatto in politica.

Vittorio Feltri candidato a Milano per Fratelli d’Italia. Sarà capolista e si iscrive al partito

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha sottolineato che Vittorio Feltri ha accettato di iscriversi al suo partito. “Feltri ha deciso di iscriversi a Fratelli d’Italia – ha commentato la fondatrice di Fratelli d’Italia – e sono estremamente fiera di annunciarlo. Guiderà la nostra lista per le prossime amministrative a Milano e l’abbiamo convinto con facilità“. É la prima volta che Vittorio Feltri accetta una candidatura politica: nel 2017 Silvio Berlusconi gli propose la candidatura al Senato ma il giornalista declinò l’invito.

Molto soddisfatto di questo nuovo acquisto per il partito è anche Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. “Il direttore Vittorio Feltri si è iscritto a Fratelli d’Italia e guiderà la nostra lista alle comunali di Milano – ha commentato – e per noi è un motivo d’orgoglio. È l’ennesimo segnale della serietà e della credibilità del progetto portato avanti da Giorgia Meloni con coerenza”.

Vittorio Feltri candidato a Milano come sindaco?. “Si guadagna poco e non ne ho voglia”

Nulla da fare, invece, per una candidatura del giornalista a sindaco: la richiesta di Giorgia Meloni, che avrebbe voluto vederlo concorrere contro Beppe Sala, è stata respinta. “Non ho nessuna voglia di candidarmi a sindaco di Milano – ha riferito Feltri – perchè non so neanche amministrare un condominio, figuriamoci una città come Milano” aggiungendo che “un sindaco guadagna troppo poco“. Sempre con il linguaggio colorito che lo ha sempre caratterizzato, Feltri ha detto di aver accettato di essere capolista perchè “il consigliere si gratta le palle” e fin lì ci riesco”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Chi è la fidanzata di Gregorio Paltrinieri?

Chi è Letizia Ruoli, la fidanzata del nuotatore Gregorio Paltrinieri? I due sono molto riservati ma sono insieme da tanti anni

Cantieri sulle autostrade: la mappa di agosto in Italia

Oltre alla normale presenza di ingorghi sulle direttrici più trafficate, quest'estate la viabilità sulle autostrade sarà complicata dalla presenza di quasi 400...

Ecco il piano scuola per il rientro in presenza a settembre: finestre aperte nelle aule e ginnastica senza mascherine

Il piano scuola del Governo per il rientro è stato fissato: dalle lezioni in presenza alle assunzioni dei docenti fino al 30 dicembre.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano