Live

Chi è Vittorio Feltri, candidato a Milano per Fratelli d’Italia: dai giornali alla politica

Chi è Vittorio Feltri, giornalista che è sceso in politica? Sarà capolista della lista di Fratelli d'Italia per le elezioni a Milano

Vittorio Feltri, ex direttore del quotidiano Libero, si candida con Fratelli d’Italia capolista alle comunali di Milano. Il giornalista quindi, che tanto ha fatto parlare di sè per essere una penna pungente, entra di fatto in politica.

Chi è Vittorio Feltri

Classe 1943, bergamasco, Vittorio Feltri è un giornalista, saggista e opinionista italiano. Nella sua lunga carriera è stato direttore di vari importanti quotidiani quale L’Indipendente, L’Europeo e Il Giornale. Sua l’idea di fondare nel 2000 il quotidiano Libero, che ha diretto fino al 2009. Poi è tornato a dirigere Il Giornale per un breve periodo, quindi il ritorno a Libero dal 2010 al 2011 come direttore editoriale al fianco di Maurizio Belpietro, il direttore responsabile. Da allora è stato editorialista de Il Giornale e nel 2016 è stato richiamato alla direzione editoriale di Libero, incarico ricoperto fino al 2020.  

Vittorio Feltri candidato a Milano per Fratelli d’Italia. Sarà capolista e si iscrive al partito

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha sottolineato che Vittorio Feltri ha accettato di iscriversi al suo partito. “Feltri ha deciso di iscriversi a Fratelli d’Italia – ha commentato la fondatrice di Fratelli d’Italia – e sono estremamente fiera di annunciarlo. Guiderà la nostra lista per le prossime amministrative a Milano e l’abbiamo convinto con facilità“. É la prima volta che Vittorio Feltri accetta una candidatura politica: nel 2017 Silvio Berlusconi gli propose la candidatura al Senato ma il giornalista declinò l’invito.

Molto soddisfatto di questo nuovo acquisto per il partito è anche Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera. “Il direttore Vittorio Feltri si è iscritto a Fratelli d’Italia e guiderà la nostra lista alle comunali di Milano – ha commentato – e per noi è un motivo d’orgoglio. È l’ennesimo segnale della serietà e della credibilità del progetto portato avanti da Giorgia Meloni con coerenza”.

Candidato a Milano come sindaco? “Si guadagna poco e non ne ho voglia”

Nulla da fare, invece, per una candidatura del giornalista a sindaco: la richiesta di Giorgia Meloni, che avrebbe voluto vederlo concorrere contro Beppe Sala, è stata respinta. “Non ho nessuna voglia di candidarmi a sindaco di Milano – ha riferito Feltri – perchè non so neanche amministrare un condominio, figuriamoci una città come Milano” aggiungendo che “un sindaco guadagna troppo poco“. Sempre con il linguaggio colorito che lo ha sempre caratterizzato, Feltri ha detto di aver accettato di essere capolista perchè “il consigliere si gratta le palle” e fin lì ci riesco”.