Politics Ode a Giuseppe Guzzetti, vate della buona politica

Ode a Giuseppe Guzzetti, vate della buona politica

Su Giuseppe Guzzetti sono al di sopra di ogni sospetto. Nel senso che ho sempre dichiarato, scritto e detto che se ci fossero non dico cento, ma solo dieci Guzzetti nella politica italiana, la politica italiana sarebbe di gran lunga migliore. Guzzetti, l’uomo della Dc che capì che alla fine della Prima Repubblica la sfida vera non era più nelle assemblee legislative e rappresentative, ma in mezzo alla società, al terzo settore, a chi non ce la faceva, o ce la faceva a stento. Ultimi e penultimi e terzultimi.

L’uomo che ha capito e fatto capire che solo con i soldi della finanza, leggasi le Fondazioni Bancarie, si poteva davvero cambiare la società italiana partendo dagli ultimi. Questa estate ci siamo un po’ frequentati per il mio libro Fuga dalla città. L’ho pregato di rilasciarmi una intervista e mi ha onorato delle sue parole.  Ricordo la sua prima frase, che cito con la mia memoria fallace: “Anche qualora avessi fatto tutto il tuo dovere, sarai solo un umile servo nella vigna del Signore”.

Il senso è che non esiste il riposo e la soddisfazione, quando si ha a che fare con il bene pubblico. La frase che mi ha cambiato la visione della città per sempre è finita in quarta di copertina sul mio libro: “A Milano ci sono 20 mila bambini nella povertà più assoluta. Chi ha responsabilità di governo non dovrebbe dormire la notte”. Guzzetti ha deciso di iscriversi al Partito Democratico. Me lo disse, nell’ultimo incontro: “Voglio tornare in campo”. E me lo spiegò: siamo all’ultimo giro della democrazia, se i partiti non reggono qui è finito tutto. Nella disintegrazione di ogni cosa, tra partiti leaderistici o talmente liquidi da essere evaporati, la presenza – che sia ingombrante, ingombrante! – di Giuseppe Guzzetti, può essere solo una buona notizia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver