Politics Milano, aria di crisi in Montenapoleone? Cartier non vuole perdersi i clienti

Milano, aria di crisi in Montenapoleone? Cartier non vuole perdersi i clienti

Sarà forse per questo che all’altezza di via Montenapoleone 16 ci sono due uomini in elegante uniforme, che sembrano quasi soldatini appena usciti dallo Schiaccianoci, che chiedono ai passanti: “Cercate Cartier?”. Ragioni puramente logistiche o dietro c’è una questione di… business? Oggettivamente in questi mesi la storica gioielleria si sta rifacendo il look ed è chiusa. In alternativa, è stata aperta una nuova temporary boutique in via Gesù, 4. Una location temporanea proprio dietro l’angolo, ma i clienti, abituali od occasionali, e i turisti distratti potrebbero non farci caso e tirare dritto di fronte alle serrande abbassate in Montenapoleone. E così, che li si voglia chiamare “buttadentro” o si preferisca vederli come una sorta di “segnalatica vivente”, ecco i due aitanti giovanotti che offrono indicazioni ai passanti e accompagnano gli aspiranti clienti nel nuovo negozio, coprendoli con tanto di ombrello in caso di pioggia. 

A Milano in Montenapoleone negozi (ancora) vuoti

Un servizio di super lusso, quello offerto da Cartier, certamente. Ma, in un’atmosfera da “anche i ricchi piangono”, a qualcuno dà da pensare. Perché tira aria di crisi, signora mia, anche in pieno Quadrilatero della moda a Milano. Se lo dicono le milanesi e le turiste che si aggirano in questi giorni in zona Montenapoleone. Chi, dopo settimane di reclusione forzata causa pandemia, torna a passeggio nelle eleganti vie del centro, piene zeppe oggi come allora delle boutique più chic, rimane colpito dall’effetto Covid: i marciapiedi, e soprattutto i negozi, sono ancora piuttosto vuoti. Non ci sono più le folle di fashioniste e fashionisti che si accalcano per fare shopping, da Bulgari a Louis Vuitton, da Moncler a Prada, per proseguire con Roberto Cavalli, Etro, Gucci, Burberry, Dior… Una vetrina dopo l’altra, le griffe sono ancora lì, con le loro vetrine scintillanti ed elegantissime come sempre, ma, a guardare dentro, in tanti casi sembra di vedere solo i commessi. 

Cartier e quei giovanotti in livrea in Montenapoleone a Milano

C’è chi dice che il segmento del lusso non abbia risentito della pandemia, perché i ricchi tali erano e tali sono rimasti, e chi sottolinea invece come l’aria di crisi (a cui la Lombardia ora sembra reagire) si respirasse già prima dell’ormai lontano marzo 2020, in cui l’emergenza Coronavirus è cominciata. Di sicuro mancano ancora tanti turisti, soprattutto i cinesi, che di solito affollano i negozi dei brand di lusso in via Montenapoleone e dintorni con la mano sul portafoglio. Perché è anche vero che poco più in là, di fronte ai negozi del fast fashion come Zara, la coda di aficionados in attesa di entrare non manca. Ecco perché, allora, quegli aitanti giovanotti in livrea che accompagnano i passanti da Cartier fanno pensare. Non sarà che le griffe di alta moda sono costrette a dare la caccia (pur sempre in versione elegante e raffinata) ai clienti?

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

TNT-FedEx, lavoratori Si Cobas in protesta aggrediti da bodyguard privati: uno in ospedale a Pavia. La Questura: “15 giorni di prognosi”

Protesta TNT-FedEx, un lavoratore colpito da bodyguard privati. Portato al San Matteo di Pavia, si prevedono 15 giorni di prognosi

Maurizio Costanzo alla Roma come nuovo capo comunicazione: primo calcio con il piede sbagliato

Maurizio Costanzo nuovo capo della comunicazione della Roma targata Josè Mourinho: che sorpresa (per lo staff giallorosso)

Superlega, dopo lo stop alla Uefa che cosa fanno i club pentiti?

Ufficialmente sono fuori dal progetto della Superlega, vincolati dal patto siglato con la Uefa per limitare le sanzioni a una piccola multa. Ma Milan, Inter e le altre fuoriuscite...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

TNT-FedEx, lavoratori Si Cobas in protesta aggrediti da bodyguard privati: uno in ospedale a Pavia. La Questura: “15 giorni di prognosi”

Protesta TNT-FedEx, un lavoratore colpito da bodyguard privati. Portato al San Matteo di Pavia, si prevedono 15 giorni di prognosi

Campagna antifumo in luoghi pubblici, la battaglia dell’associazione Ideal per discutere il ddl Auddino

No al fumo in luoghi pubblici come bar, ristoranti, spiagge, stadi e parchi. Lo prevede la proposta di legge Auddino sostenuta da Ideal

Sanità privata in Lombardia, l’usato sicuro che nessuno mette (davvero) in discussione

Sanità privata in Lombardia, quali progetti per riformare il sistema? È tempo di un think tank sulle idee, non sui posizionamenti di partito

Comunali 2021, il centrodestra a Roma sceglie Enrico Michetti. Resta il rebus Milano, ok per Damilano a Torino

Comunali 2021, il centrodestra ha deciso: Enrico Michetti a Roma sfiderà Virginia Raggi. Milano, invece, è ancora un rebus

Reinventing Cities Milano, salta il bluff “green”: a Lambrate vince coop Sant’Ilario (offrendo più soldi con il progetto peggiore)

La gara per riqualificare Scalo Lambrate a Milano nell'ambito di Reinventing Cities è stata vinta da Sant’Ilario Società Cooperativa Edilizia