Politics Che fine hanno fatto gli scandali della scorsa estate?

Che fine hanno fatto gli scandali della scorsa estate?

Ricordate gli scandali della scorsa estate? Le inchieste, le perquisizioni continue, gli avvisi di garanzia, il solito profluvio di carte, anticipazioni, le puntate televisive montate in fretta e furia. Sono passati mesi. Lunghi, lunghissimi mesi. Il governo degli onesti non c’è più, la povertà non solo non è stata abolita, ma rischia di essere assai incrementata. Quelli che un tempo erano i nemici da abbattere oggi sono colleghi di governo. Francamente io mi chiedo come si possa digerire tutto, come la politica abbia potuto digerire tutto. Ho perso amicizie, perché dicevo che in un momento di crisi – nella scorsa primavera – non ci doveva essere guerra tra i livelli governativi, Comune Regione e Stato, ma accordo più che bipartisan.

Che cosa è rimasto di quella stagione di guerra a tutti i livelli? I problemi, sono rimasti. Quelli organizzativi. È rimasto lo scoramento dei cittadini, che non incanalano la rabbia contro questo e contro quello. Ognuno si arrabbia con qualcuno. E poi sono rimaste le inchieste. Anche qui, vizio tutto italiano, alle ipotesi dell’accusa per adesso sono seguite… le ipotesi dell’accusa. Ovvero non c’è stato ancora niente. Si continua ad indagare. Intanto nella mente delle persone si è sedimentato il fatto che l’accusato è colpevole. Nessuno sa più come sono finite quelle storie. Ehi, vi ricordate dell’inchiesta Mensa dei Poveri? Ma sì, dai, quello scandalo in Lombardia prima della pandemia. Beh, li avranno condannati no, quegli sporcaccioni. Eh, peccato che no. Il processo sta giusto iniziando adesso. Adesso, e sono passati due anni.

Faccio solo un esempio in un mare che potrebbe essere sterminato. Un mare nel quale molto spesso non sono i politici ad essere alla sbarra, ma la gente comune. Quella che urla contro il politico finché non incappa nella giustizia. E poi si rende conto che – colpevole o innocente – la lentezza del procedimento è una sentenza di per sé.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Coltelli, machete in centro a Milano e una generazione che continuiamo a non volere ascoltare

A Milano non c'è una emergenza sicurezza ma c'è una emergenza sociale legata ai giovani, che continuiamo a non ascoltare

Funivia urbana nell’area metropolitana di Parigi, Doppelmayr si aggiudica il contratto

Île-de-France Mobilités ha assegnato a Doppelmayr l'appalto per la costruzione di una funivia urbana nell'area metropolitana di Parigi

Il video choc di maltrattamenti sugli animali scuote politica e giustizia

Maltrattamento dei maiali, il proprietario dell'azienda Zema Srl convocato in tribunale dopo il reportage di Animal Equality