Politics Eugenio Comincini, ritratto di un renziano responsabile

Eugenio Comincini, ritratto di un renziano responsabile

di Francesco Floris

Un “renziano” della prima ora. Che potrebbe “tradire” Matteo Renzi proprio all’appuntamento con il destino. Eugenio Comincini, lombardo di Cernusco sul Naviglio, classe 1972, senatore della Repubblica dal 2018. Sarà lui l’ago della bilancia a Palazzo Madama? In giornata lo sapremo ma intanto in Senato è aperta la “caccia ai responsabili” fra senatori a vita richiamati in presenza, voltagabbana e “costruttori”. Fra i nomi che ballano per la soglia psicologica dei 161 senatori necessari per tenere in piedi il governo Conte-bis o affossarlo definitivamente, c’è anche il suo. Certo il suo post sui social per chiarire le intenzioni e la posizione, in realtà, non chiarisce proprio nulla. Con richiami ermetici non “al tempo dei responsabili” bensì al “tempo della responsabilità”. Serve un “patto di legislatura nel perimetro dell’attuale maggioranza”, scrive, ma “non sono in Senato per stare attaccato alla poltrona ma per essere utile alla Nazione”. Comincini però potrebbe stupire tutti. Eletto nel Pd, volato in Italia Viva con la scissione del 2019 dopo l’ultima crisi di governo, quella che mandò a casa i giallo-verdi per fare spazio ai giallo-rossi, il senatore eletto nella circoscrizione Lombardia-4 è di certo un “renziano” della prima ora e non uno di quelli saliti a bordo del carro del (prima) vincitore e (poi) perdente. Molto legato all’uomo di Rignano sull’Arno. Ma non è fra coloro che gli devono l’intera carriera politica, come ama lasciar intendere a molti dei suoi il leader di Italia Viva ogni volta che parla. Comincini viene dalla Margherita e dalla Direzione nazionale del Pd. È stato per lungo tempo amministratore locale ben prima che di Renzi si sentisse parlare sulle cronache nazionali: sindaco di Cernusco sul Naviglio per due mandati; nel Direttivo regionale e poi nel Consiglio nazionale dell’Anci; nominato nel 2014 da Giuliano Pisapia vice sindaco metropolitano di Milano. Per sintetizzare: non ha debiti personali con Matteo Renzi, non gli deve l’ascesa politica. E chissà che in queste ore non gli sia passato per la mente più volte. Chissà che non se lo ricordi al momento di premere il pulsante.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi, Lorenzo Zazzeri derubato appena rientrato da Tokyo

Lorenzo Zazzeri è stato derubato dei suoi ricordi olimpici ma non della medaglia d'argento vinta a Tokyo 2021. Tornato nella sua Firenze si era recato in piscina a festeggiare, nel frattempo qualcuno gli ha sottratto il borsone con i suoi ricordi dell'esperienza di Tokyo

Inter, Romelu Lukaku al Chelsea? Ecco quanto vale la sua vendita

I conti reali dietro alla cessione da parte dell'Inter di Romelu Lukaku al Chelsea e sulle necessità di fare cassa

Vanessa Ferrari, quale futuro? La ginnasta in bilico tra Parigi 2024 e il ritiro

Il futuro Vanessa Ferrari è ancora in bilico ed incerto. Dopo la medaglia d'argento nel corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo ci sarà un tempo di riflessione per l'atleta azzurra.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver