Politics Enpam, presidio dei Sindacati degli Inquilini: "Servono garanzie"

Enpam, presidio dei Sindacati degli Inquilini: “Servono garanzie”

Un patrimonio immobiliare di 1.566 alloggi da dismettere tra Milano, Basiglio e Vimodrone, 739 famiglie in scadenza di contratto o con contratti scaduti, “tutele degli inquilini, soprattutto fragili e in condizioni di difficoltà, ancora incerte” e “risposte a richieste di incontro inviate da ottobre non arrivate”. I Sindacati degli Inquilini di Milano Sunia, Sicet, Unione Inquilini danno battaglia sul progetto di vendita immobiliare “Project dream” avviato da Fondazione Enpam, la cassa previdenziale di medici e odontoiatri. “A fronte di ripetuti e inascoltati solleciti” è stato convocato un presidio per oggi sotto la sede milanese di Enpam, in via Viviani 12.

L’asta comprende 31 asset direzionali (per una superficie lorda complessiva di 520mila mq); 10 hotel sparsi tra Roma, Milano, Abano e Montegrotto, cinque proprietà retail (30mila mq), una caserma nella capitale, un polo logistico (90mila mq) nell’hinterland del capoluogo lombardo e 17 immobili a destinazione residenziale. La gara, per un valore complessivo di 1 miliardo di euro. L’apertura delle buste per le offerte economiche da parte di una serie di cordate di fondi internazionali dovrebbe avvenire da parte di Deloitte, advisor di Enpam per la gara di vendita, tra il 3 e 6 maggio 2021. Della partita fanno parte sicuramente alcuni colossi immobiliari come Hines, Bain Capital, Dea Capital, GWM e la Elsafra. Si è ritirato invece il misterioso fondo di Hong Kong, Sixiang Holding, di cui ha scritto True-News.

Patrimonio Enpam, “Garanzie certe per gli inquilini”

“In assenza di chiarezza, l’iniziativa si è resa necessaria – sottolineano i Sindacati degli Inquilini di Milano che hanno avuto in mattinata un incontro con un funziona di Enpam Real Estate senza però ottenere per il momento garanzie –. Brancoliamo nel buio e siamo fortemente preoccupati: l’asta se l’aggiudica il miglior offerente. Per cui, il destino degli stabili è legato a quello degli inquilini. Il patrimonio immobiliare della Fondazione Enpam è concentrato al 70% a Milano e hinterland. Per quanto riguarda gli immobili a destinazione residenziale,  sono 1.566 gli alloggi tra Milano, Basiglio e Vimodrone, interessati agli accordi che i Sindacati Inquilini hanno stretto con Enpam negli anni, a tutela delle famiglie –. 914 solo a Milano-. E ad oggi sono 739 le famiglie degli alloggi a Milano e hinterland, che hanno contratti scaduti o in scadenza da rinnovare. La maggior parte degli inquilini sono over 65, in condizione di fragilità e in situazioni economiche di difficoltà. La sostenibilità degli affitti di queste famiglie, che non possono accedere al mercato privato o procedere con l’acquisto della casa,  è garantita dagli accordi in essere con la proprietà. Chiediamo il rispetto degli accordi sindacali sui rinnovi contrattuali; chiediamo, in ogni caso,  garanzie certe per l’inquilino nel caso di vendita”.

“Abbiamo chiesto a Enpam l’impegno ad un incontro prima della definizione della vendita per inserire precise garanzie a tutti gli inquilini” dichiara a True-News Mattia Gatti, delegato del Sicet-Cisl a Milano. Le risposte? “Non sono state soddisfacenti. Ora chiediamo al Comune di Milano di farsi promotore di una vera trattativa, la città non può permettersi che altra emergenza abitativa si sommi all’emergenza già grave in corso”.

“A rischio la situazione abitativa di Milano”

“Il nostro timore, inoltre, – continuano i Sindacati degli Inquilini di Milano –,  sta nel fatto che la dismissione dovrebbe avvenire in blocco. Questa ci sembra un’operazione speculativa immobiliare che provocherà un ulteriore aggravamento della crisi abitativa della città di Milano, resa ancor più difficile e insostenibile dalla emergenza sanitaria ed economica in corso. Sappiamo che tutta la questione è stata portata all’attenzione del Governo e della Regione Lombardia; che i Comuni di Basiglio e Vimodrone, appresa la notizia di dismissione, si sono attivati con la Fondazione Enpam per richiedere tutti gli approfondimenti necessari. Ora,  chiediamo che anche il  Comune di Milano si faccia parte attiva e intervenga con iniziative di mediazione con la Fondazione”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Ristoranti con dehors? Zona rossa o zona bianca, è beffa per i commercianti di Milano: ora non si trovano i materiali

Gazebo, teli e materie prime sono introvabili. Gli imprenditori: "Attendo da 2 mesi". Così la decisione è diventata un boomerang

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana