Politics Letta e il colpaccio di Emma Bonino dietro l'addio a +Europa?

Letta e il colpaccio di Emma Bonino dietro l’addio a +Europa?

Emma Bonino ha lasciato +Europa. Collaborazione con Enrico Letta in vista? La storica leader dei radicali riveste ancora il ruolo di Garante nella “Scuola di Politiche” dell’ex premier e la domanda è più che fondata. Il suo addio al partito comunicato in un’assemblea interna, e il j’accuse molto duro contro gli iscritti e i dirigenti, ha lasciato di stucco in molti. E fatto emergere diversi quesiti: era davvero necessario andarsene proprio ora, in un momento così difficile per il paese e utilizzando toni così aspri?

Probabilmente no, ma ciò che più fa riflettere è il tempismo di questa azione. Il nuovo segretario del Pd infatti, nonostante l’esilio politico degli ultimi anni, ha sempre mantenuto un buon rapporto con la senatrice. Tanto che Bonino, proprio in quanto Garante, è una personalità importante della sua scuola politica. E se Letta riuscisse a coinvolgerla nel suo progetto di Pd sarebbe indubbiamente un colpaccio che darebbe prestigio al suo incarico. All’interno del panorama politico Emma Bonino riscuote, non da oggi, apprezzamenti bipartisan e un suo avvicinamento alla segreteria dem sarebbe difficilmente criticabile. “Me ne vado a testa alta prima che mi facciate fuori voi – ha fatto sapere Bonino durante l’assemblea di +Europa – la vostra cupidigia è senza limiti e il mio seggio al Senato a disposizione. Non voglio più stare in questo partito formato da incompetenti ed ignoranti”.

Ufficialmente il gesto è stato fatto per “sbloccare” +Europa da troppo tempo in lite sulle nuove regole per il Congresso. Motivo per cui anche il segretario Benedetto della Vedova, per l’impasse creatosi in +Europa, ha deciso di lasciare il suo ruolo. Ciò non toglie però che dietro questo passo indietro, che ha tempistiche quantomeno curiose, possa celarsi per Emma un nuovo (interessante) ruolo. Magari proprio con l’ex premier e amico Enrico Letta.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Green Pass in farmacia: come funziona, quanto costa. È boom di richieste (con polemica)

Il Green Pass in farmacia è molto richiesto nelle ultime ore. Tante la farmacie prese d'assalto. Sono soprattutto persone anziane a recarsi...

Federica Pellegrini quando gareggia la finale: data, ora, come vedere la diretta tv dalle Olimpiadi Tokyo 2021

Olimpiadi di Tokyo, la campionessa olimpica del nuoto è pronta a nuotare. Ecco quando gareggia Federica Pellegrini e come seguirla in TV.

Green pass Italia-Estero, cosa cambia? Ecco le differenze di utilizzo

Nonostante il propagarsi della variante Delta e il rialzo dei contagi in molti Paesi del mondo, sono tanti gli italiani che non...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Antonio Di...

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano

Omicidio Voghera, cosa è successo in 10 anni con le armi: ecco quante sono le licenze in Italia e chi le possiede

Omicidio Voghera, il tema delle armi in casa torna d'attualità. Chi abita nei piccoli centri più propenso a dotarsi del porto d'armi

Sfratti 2021, novità su affitti, bollette e buoni spesa: da Draghi 500 milioni ai Comuni. I sindaci non hanno più scuse

Dal Sostegni Bis soldi per affitti, bollette e buoni spesa da destinare ai più poveri. La quota stanziata? 500 milioni, che vanno ben spesi