Politics Dentro gli Under 35 fuori i Mister No

Dentro gli Under 35 fuori i Mister No

Chi sono i giovani under 35 che Beppe Sala vuole nella sua lista per Milano? Chi rischia il posto?

di Francesco Floris

Chi saranno gli under 35 che ha promesso Beppe Sala nella lista di appoggio al sindaco e quindi nel prossimo Consiglio Comunale di Milano? E a chi toglieranno la poltrona? Se l’ufficializzazione dei nomi è ancora prematura qualche rumors inizia a circolare. Fra i giovani da tenere d’occhio per la corsa a Palazzo Marino spiccano alcuni nomi. Studenti o ex studenti di economia o giurisprudenza nelle facoltà milanesi, vengono dai Municipi di Milano dove negli scorsi cinque anni hanno svolto l’attività di assessori o consiglieri di zona e/o si sono fatti le ossa dentro i GD, la componente giovanile del Partito democratico pochi mesi fa investita da una lotta intestina per la guida della federazione giovanile.  Come il nome di Davide Skenderi, l’ex segretario dei  GD di Milano. Oppure quelli di Paolo Romano, assessore al Municipio 8, e Ludovico Manzoni, consigliere presso il primo Municipio. O ancora: Gaia Romani, consigliera nel Municipio 8, Martina Riva, consigliera nel settimo Municipio ed eletta con la lista “Beppe Sala Sindaco” nel 2016 prima di avvicinarsi a +Europa e ai radicali. Giovani promesse della politica? Chissà. Nel frattempo però c’è da liberare le caselle per il consiglio comunale. E così pare che, fra pressioni giovanili, dai municipi e dissapori interni, siano in molti dentro al Pd a non volere più alcuni nomi. Come quello di David Gentili, reo di essere uscito e poi rientrato nel partito dopo l’esperienza discioltasi di “Milano Progressista”. O come quello dell’ambientalista Carlo Monguzzi, che di recente ha avuto di che battibeccare anche sul PAC, il Piano Area e Clima approvato dal Comune. E che ora deve vedersela con la feroce concorrenza nei nuovi ecologisti all’arrembaggio. Under 35 o meno.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare