Politics Dentro gli Under 35 fuori i Mister No

Dentro gli Under 35 fuori i Mister No

Chi sono i giovani under 35 che Beppe Sala vuole nella sua lista per Milano? Chi rischia il posto?

di Francesco Floris

Chi saranno gli under 35 che ha promesso Beppe Sala nella lista di appoggio al sindaco e quindi nel prossimo Consiglio Comunale di Milano? E a chi toglieranno la poltrona? Se l’ufficializzazione dei nomi è ancora prematura qualche rumors inizia a circolare. Fra i giovani da tenere d’occhio per la corsa a Palazzo Marino spiccano alcuni nomi. Studenti o ex studenti di economia o giurisprudenza nelle facoltà milanesi, vengono dai Municipi di Milano dove negli scorsi cinque anni hanno svolto l’attività di assessori o consiglieri di zona e/o si sono fatti le ossa dentro i GD, la componente giovanile del Partito democratico pochi mesi fa investita da una lotta intestina per la guida della federazione giovanile.  Come il nome di Davide Skenderi, l’ex segretario dei  GD di Milano. Oppure quelli di Paolo Romano, assessore al Municipio 8, e Ludovico Manzoni, consigliere presso il primo Municipio. O ancora: Gaia Romani, consigliera nel Municipio 8, Martina Riva, consigliera nel settimo Municipio ed eletta con la lista “Beppe Sala Sindaco” nel 2016 prima di avvicinarsi a +Europa e ai radicali. Giovani promesse della politica? Chissà. Nel frattempo però c’è da liberare le caselle per il consiglio comunale. E così pare che, fra pressioni giovanili, dai municipi e dissapori interni, siano in molti dentro al Pd a non volere più alcuni nomi. Come quello di David Gentili, reo di essere uscito e poi rientrato nel partito dopo l’esperienza discioltasi di “Milano Progressista”. O come quello dell’ambientalista Carlo Monguzzi, che di recente ha avuto di che battibeccare anche sul PAC, il Piano Area e Clima approvato dal Comune. E che ora deve vedersela con la feroce concorrenza nei nuovi ecologisti all’arrembaggio. Under 35 o meno.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs

Nicole Daza è la compagna di Marcell Jacobs. I due insieme hanno già avuto due figli. Ecco il messaggio di Nicole prima della gara di Jacobs

Vanessa Ferrari medaglia d’argento alle Olimpiadi Tokyo 2021! Vittoria storica per l’Italia nella finale corpo libero

Vanessa Ferrari medaglia d'argento nel corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Ha gareggiato lunedì 2 agosto a partire dalle 10:57 ora italiana. L'atleta...

Tamberi e la mezza barba alle Olimpiadi di Tokyo 2021

La mezza barba di Tamberi ha fatto più discutere della sua medaglia d'oro. Gianmarco Tamberi ha portato a casa un fantastico oro nel salto in alto con la misura di 2.37 ex aequo con l’atleta del Qatar Barshim.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano