Politics Nuovo M5S, la vera guerriglia è sul doppio mandato

Nuovo M5S, la vera guerriglia è sul doppio mandato

di Sara Greta Passarin

La lotta di potere nei cinque stelle ruota attorno ad una domanda fondamentale: mantenere o no il vincolo dei due mandati? La questione nei grillini è caldissima e vede opporsi due fazioni: big “esperti” da una parte, che non vogliono lasciare le poltrone. Attivisti e meetup dall’altra. Dove i primi rimarcano l’importanza della esperienza e i secondi fremono per un ricambio generazionale dei portavoce. Quel che è certo è che la voce dei grillini esperti, consiglieri regionali e parlamentari in primis, ha più peso del parere dei singoli attivisti. I quali però, su questa tematica identitaria, non sono disposti a cedere il passo e venderanno cara la pelle. Tanto è vero che l’unica concessione in tal senso è stata quella del “mandato zero“, e non è un caso: un primo mandato da consigliere comunale/municipale può essere escluso dal conto, ma altri no. 

Chi da sempre difende questa regola, anche in memoria del padre, è il presidente dell’associazione Rousseau Davide Casaleggio. Su questo fronte il figlio del fondatore, in dieci anni di Movimento Cinque Stelle, non ha mai mollato la presa e non è disposto a iniziare a farlo. Quello che è interessante è che un gran numero di attivisti, contrari al professionismo della politica, lo appoggiano e lo esortano a non cedere. La base infatti, nonostante i tanti cambi di linea, crede ancora nel valore del ricambio ed è contraria alla politica di professione. Due mandati elettivi pieni durano dieci anni, e tali devono rimanere. 

Il rischio concreto sempre più alle porte è che chi ha atteso il suo turno per entrare (finalmente) in parlamento possa essere beffato dai big. Qualche esempio? Esclusi i parlamentari al primo mandato, gli attivisti che scalpitano sono tanti. Tra i più noti Matteo Brambilla (consigliere comunale a Napoli), Luca Di Giuseppe (facilitatore regionale campano) e l’ex sindaco di Livorno Filippo Nogarin (oggi nello staff di Virginia Raggi). Ma potrebbero tentare la scalata a Roma anche l’ex sindaco di Ragusa Federico Piccitto, Mattia Calise (ex consigliere comunale di Milano) o l’ex candidato presidente alla Regione Sardegna Francesco Desogus

Proprio per evitare fraintendimenti, a scanso di equivoci, la necessità di mantenere la regola è scritta nero su bianco in “ControVento“, nuovo manifesto della associazione Rousseau. E sull’argomento si è espressa anche Enrica Sabatini, braccio armato di Casaleggio a Rousseau, in una intervista a Piazza Pulita. Per l’ex consigliera grillina “serve una organizzazione orizzontale, non una struttura che prenda decisioni dall’alto” perché la partecipazione “non è un accendi e spegni quando serve”. Tradotto: la strada giusta non è il verticismo di potere, né discutibili cerchi magici, ma aprirsi di nuovo alla base non avendo timore di nomi nuovi. 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Temptation Island, ultima puntata: come vederla, chi sono i finalisti, anticipazioni

Martedì 27 luglio andrà in onda in prima serata l'ultima puntata di Temptation Island. Come vederla, chi sono i finalisti e le anticipazioni.

Sfruttamento di manodopera straniera nell’azienda Grafica Veneta

Sfruttamento di manodopera straniera nell'azienda Grafica Veneta di Trebaseleghe in provincia di Padova nel Veneto. 11 gli arrestati

Cos’è il semestre bianco e perché è importante

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sta per entrare nel suo "semestre bianco". Ma cos'è e perché è importante?

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano

Omicidio Voghera, cosa è successo in 10 anni con le armi: ecco quante sono le licenze in Italia e chi le possiede

Omicidio Voghera, il tema delle armi in casa torna d'attualità. Chi abita nei piccoli centri più propenso a dotarsi del porto d'armi