Politics "Il Metternich di Giuseppi"

“Il Metternich di Giuseppi”

Gianni Letta è stato così potente e importante nella politica italiana dello scorso ventennio da meritarsi il soprannome di “Metternich di Forza Italia”. Poi, per osmosi, quando qualcuno scalava le fila dei consiglieri dei leader politici diventava a sua volta “il Gianni Letta di…”. Quando nel 2013 – in epoca di governo Letta (Enrico) – lo si nominava bisognava accompagnare il suo cognome con la frase “Quello potente della famiglia”. Ora nei palazzi romani si mormora che sia un estimatore delle abilità di Rocco Casalino, nato a Frankenthal, in Germania. Proprio come Metternich. Il Metternich di Giuseppi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Fontana, la pandemia e la lezione da impartire a chi non la pensa come te

Ieri ho appreso una lezione. In effetti, non ci voleva molto, ma è sempre importante ricordarsi qual è il mondo con cui...

“Negli Stati Uniti in due ore ti fai il vaccino: basta il passaporto”

"Ciao a tutti, ho appena fatto il vaccino in farmacia qui a New York, una farmacia che non è un centro specializzato...

Esame Avvocato: caos al software Ministero, le promesse infrante della Cartabia

Migliaia di dati in fuga e privacy violata dal sistema di via Arenula. I praticanti: "Sono di Milano, mi convocano a Catanzaro con un altro nome"

Antonio Barbato rinviato a giudizio

L’ex comandante della polizia locale Antonio Barbato è stato rinviato a giudizio nel procedimento aperto contro di lui per falso ideologico e frode in pubbliche forniture. Una vicenda processuale che si riferisce a fatti del 2015