Politics Polizia locale, tutte le carte del caso Barbato-Ciacci

Polizia locale, tutte le carte del caso Barbato-Ciacci

di Francesco Floris

Tornato d’attualità grazie al servizio realizzato dalle Iene, ora l’affaire Barbato-Ciacci sulla sostituzione del Comandante della Polizia Locale di Milano nel 2017 da parte della giunta Sala rischia di irrompere nella campagna elettorale per le comunali. Il centrodestra è tornato all’attacco della vicenda.

Secondo Antonio Barbato, avellinese, classe 1962, per pochi mesi Comandante della Polizia Municipale di Milano, sarebbe stata orchestrata una campagna mediatico-giudiziaria contra la sua figura, al fine di ottenerne la rimozione e portare alla nomina di Marco Ciacci (attuale Comandante), proveniente dalla Polizia di Stato ma soprattutto per 14 anni, dal 2003 al 2017, Responsabile della Polizia Giudiziaria in servizio presso la Procura di Milano. La stessa Procura che svolgeva le indagini su Expo 2015, il maxi evento che ha portato Beppe Sala ad affermarsi come figura pubblica e diventare in seguito sindaco di Milano. Una vicenda che ora potrebbe portare a esiti imprevisti con la campagna elettorale per Palazzo Marino che sta per partire in queste settimane e con il Procuratore Capo di Milano, Francesco Greco, prossimo alla pensione mentre impazza la girandola dei nomi su chi sarà il magistrato designato dal Csm per guidare la seconda procura d’Italia dopo il caso Palamara.

Barbato e i suoi legali hanno presentato diversi esposti nel tempo per chiedere di indagare e chiarire alcuni aspetti della vicenda. Alla Corte dei Conti, all’Autorità Nazionale Anticorruzione e in particolare alla Procura di Brescia contro Carmela Rozza, all’epoca assessore alla Sicurezza di Milano e oggi consigliere regionale del Partito democratico in Lombardia, che secondo l’esposto depositato in procura avrebbe minacciato l’ex Comandante oggi in servizio presso Amat con la frase: “Se non ti dimetti
torni a fare il Funzionario di Polizia Locale
”.

True-News pubblica integralmente le carte che riguardano questa vicenda.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare