Pharma Vaccini. Oxford: “Nessuna esclusiva”, Moderna: “Concediamo proprietà intellettuale”

Vaccini. Oxford: “Nessuna esclusiva”, Moderna: “Concediamo proprietà intellettuale”

di Francesco Floris

Licenze dei vaccini? Quella di AstraZeneca è “non esclusiva e priva di royalty”. Così da “supportare la fornitura gratuita” o a margine limitato “per la durata della pandemia”. Mentre saranno invece “i termini di licenza per la fornitura” post-pandemia che “saranno oggetto di un accordo separato”. Lo si legge nelle linee guida pubblicate da Oxford University, la vera titolare della proprietà intellettuale del vaccino di AstraZeneca, dove vengono fissati alcuni punti fermi per “l’implementazione su scala globale di prodotti e servizi associati per affrontare la pandemia COVID-19”. Traduzione di tutto ciò: chiunque può produrre questo vaccino purché non sia a scopo di lucro. Frasi che irrompono come fulmini a ciel sereno nel dibattito su brevetti e proprietà intellettuale dei vaccini. Proprio nelle settimane in cui la Presidente della Commissione Europea, Ursula Von der Leyen, viene messa da più parti sul banco degli imputati per come sono state condotte le trattative sul vaccino e gli accordi di acquisto anticipato con Big Pharma e sull’assenza di trasparenza nei contratti resi pubblici. “Come ha potuto – ha rinfacciato alla Von der Leyen al Parlamento Europeo Manon Aubry, Co-Presidente del Gruppo della Sinistra europea che si batte a Bruxelles e Strasburgo per la sospensione dei brevetti e consentire agli Stati di produrre autonomamente e su larga scala il vaccino – la Commissione Europea accettare di inchinarsi così davanti alle case farmaceutiche?”

Moderna: “Non applicheremo i brevetti”

Quello di Oxford però non è l’unico caso che dimostra come si stia, almeno in alcuni casi, discutendo sul sesso degli angeli. E che i problemi, rispetto alla disponibilità delle dosi a livello gloale, sono più strettamente connessi a capacità produttiva, di sintesi e logistica, tuttalpiù nodi politici, che non a meri vincoli giuridici legati alla proprietà intellettuale. “Disponibili a concedere in licenza la nostra proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19 ad altri”. Lo si legge in uno statement ufficiale di Moderna. Quando? È datato 6 ottobre 2020. L’azienda biotech Usa ha scritto che pur considerando “i diritti di proprietà intellettuale” come un importante stimolo “nell’incoraggiare gli investimenti nella ricerca”, al momento “ci sentiamo in obbligo, nelle circostanze attuali, di utilizzare le nostre risorse per porre fine a questa pandemia il più rapidamente possibile”. Di conseguenza “Moderna non applicherà i brevetti relativi a COVID-19 contro coloro che producono vaccini destinati a combattere la pandemia” aggiungendo che “per eliminare qualsiasi barriera IP (Intellectual Property, NdR) percepita allo sviluppo del vaccino durante il periodo di pandemia, su richiesta siamo anche disposti a concedere in licenza la nostra proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19 ad altri”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza