Live

Saliscendi del 17 dicembre 2020

AstraZeneca con il cuore al vaccino (in attesa dell'eme) e il portafogli ad Alexion. Contro Sanofi che si è "persa" 20 milioni di dosi destinate all'Italia

AstraZeneca con il cuore al vaccino (in attesa dell’eme) e il portafogli ad Alexion. Contro Sanofi che si è “persa” 20 milioni di dosi destinate all’Italia

SALE
AstraZeneca: cuore al vaccino, portafogli ad Alexion

In attesa dell’approvazione Ema del vaccino studiato con Oxford, AstraZeneca non si ferma e si “accontenta” di acquisire una piccola startup da 39 miliardi di dollari sul mercato americano. Si tratta di Alexion Pharma che è volata al Nasdaq dopo la mossa di AstraZeneca. Tremila dipendenti nel mondo e 25 uffici (anche Milano), Alexion è specializzata nella ricerca sul sistema immunitario e le malattie autoimmuni. I farmaci di punta? Il Solaris, lo Strensiq e il Kanuma. Tre nomi che valgono 39 miliardi.

SCENDE
Sanofi, 20 milioni di cattive notizie

Venti milioni di dosi del vaccino è una buona notizia. Che non arriveranno in Italia entro il 2021 è una pessima notizia. Sanofi aveva promesso 40 milioni di dosi “tricolori” ma non potrà ottemperare la promessa. La big francese ha fatto sapere che i risultati delle sperimentazioni “hanno mostrato una risposta immunitaria bassa negli adulti sopra ai 49 anni, probabilmente per una concentrazione insufficiente di antigene”. Secondo l’Istat gli under 49 in Italia sono circa 38 milioni. Gli over 22 milioni. Il vaccino per tutti per ora non c’è.