Pharma Saliscendi del 17 dicembre 2020

Saliscendi del 17 dicembre 2020

AstraZeneca con il cuore al vaccino (in attesa dell’eme) e il portafogli ad Alexion. Contro Sanofi che si è “persa” 20 milioni di dosi destinate all’Italia

SALE
AstraZeneca: cuore al vaccino, portafogli ad Alexion

In attesa dell’approvazione Ema del vaccino studiato con Oxford, AstraZeneca non si ferma e si “accontenta” di acquisire una piccola startup da 39 miliardi di dollari sul mercato americano. Si tratta di Alexion Pharma che è volata al Nasdaq dopo la mossa di AstraZeneca. Tremila dipendenti nel mondo e 25 uffici (anche Milano), Alexion è specializzata nella ricerca sul sistema immunitario e le malattie autoimmuni. I farmaci di punta? Il Solaris, lo Strensiq e il Kanuma. Tre nomi che valgono 39 miliardi.

SCENDE
Sanofi, 20 milioni di cattive notizie

Venti milioni di dosi del vaccino è una buona notizia. Che non arriveranno in Italia entro il 2021 è una pessima notizia. Sanofi aveva promesso 40 milioni di dosi “tricolori” ma non potrà ottemperare la promessa. La big francese ha fatto sapere che i risultati delle sperimentazioni “hanno mostrato una risposta immunitaria bassa negli adulti sopra ai 49 anni, probabilmente per una concentrazione insufficiente di antigene”. Secondo l’Istat gli under 49 in Italia sono circa 38 milioni. Gli over 22 milioni. Il vaccino per tutti per ora non c’è.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza