Pharma Recovery, nuovo Piano: più soldi su cure domiciliari e territorio

Recovery, nuovo Piano: più soldi su cure domiciliari e territorio

Il 23 aprile in Consiglio dei Ministri. Il 30 in Europa. Rush finale per il Recovery Plan italiano mentre a Bruxelles cominciano ad arrivare i primi piani nazionali di ripresa post Covid, a cominciare da quello del Portogallo. L’ultimo aggiornamento della bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza modifica le carte in tavola: nasce un fondo aggiuntivo per finanziare i progetti da finanziare in deficit nel quinquennio 2021-2026 e che arriverà a una dotazione di 30 miliardi di euro.

Per quanto riguarda la “Missione Salute”, sesto capitolo del piano, la cifra rimane invariata a 19,76 miliardi ma cambiano i capitoli di spesa: più soldi all’assistenza sanitaria territoriale e alle cure domiciliari compensati da un taglio secco del 50% alle Case di Comunità passando dai quattro miliardi iniziali ai due attuali. È quanto emerge dall’analisi del Centro Studi Inrete che nel suo report “Monitoraggio Pnrr” ha messo a confronto la bozza attuale che verrà presentata il 23 aprile dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in Consiglio dei Ministri – quasi certamente quella destinata ad arrivare in Europa – con il documento redatto invece dai tecnici del Mef prima del 22 aprile. (SCARICA)

Nel dettaglio: su salute e sanità il maxi capitolo più finanziato rimane quello su “Innovazione, Ricerca e Digitalizzazione del Ssn” che può contare su 11,82 miliardi di cui 8,8 sull’ammodernamento tecnologico (3 miliardi sulla sicurezza degli ospedali, 4 sul parco tecnologico e digitale, 1,6 sull’infrastruttura per raccolta e elaborazione dati). Altri 3 miliardi vanno a ricerca e trasferimento tecnologico con la formazione e lo sviluppo delle competenze tecnico-professionali digitali e manageriali in sanità a fare la parte del leone, assorbendo i due terzi dello stanziamento.

Saranno 7,9 miliardi le risorse destinate al capitolo “Reti di prossimità, Strutture e Telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale”. Novecento milioni vanno sulle connessione fra salute e clima e ambiente (invariati), seguendo una linea di tendenza già indicata dall’Atto di Indirizzo del Ministero della Salute firmato a febbraio da Roberto Speranza. Due miliardi invece alle Case della Comunità per la presa in carico della persona, con un taglio secco della metà come detto poc’anzi, mentre 4 miliardi (triplicando la cifra) di cui un miliardo destinato alla Telemedicina serviranno a “trasformare” le case delle persone nel “primo luogo di cura e assistenza”. Un forte imprinting sulle cure domiciliari, dunque. Un miliardo invece (rispetto ai 2 precedenti) verrà utilizzato per sviluppare la rete delle cure intermedie. (SCARICA)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti