Pharma “700mila anziani in Fase 2, coinvolto l'esercito”. Il piano Lucchini per i...

“700mila anziani in Fase 2, coinvolto l’esercito”. Il piano Lucchini per i vaccini lombardi

di Francesco Floris

La fase 2? 700mila anziani da vaccinare. La promessa? Che già entro la fine della prossima settimana (16-17 gennaio) la Lombardia si sarà affiancata alle regioni che stanno facendo meglio nella campagna vaccinale come Lazio, Toscana e Veneto. Lo dice a True Pharma Giacomo Lucchini, il responsabile della campagna vaccinale anti-Covid di Regione Lombardia. L’ex manager di Fiera Milano è stato chiamato dalla giunta di Attilio Fontana in particolare per gestire gli aspetti logistici del vaccino. “Da lunedì – dice Lucchini – partiremo con le vaccinazioni anche nelle Rsa andando stabilmente sopra le 10 mila somministrazioni giornaliere con picchi entro 15mila assestandoci su parametri simili a quelle delle regioni che stanno ottenendo risultati migliori”. Numeri figli dei 65 hub che saranno attivi per la somministrazione e che, se confermati, permetteranno alla Lombardia fra una settimana di smaltire lo stock di dosi ricevute fino al 4 gennaio pari a 80.595 e di cui a oggi ne sono state somministrate poco meno del 22%.

Lucchini è uscito il 6 gennaio da una riunione online con i ministri e la struttura commissariale di Domenico Arcuri tenutasi in call fra le 10 e le 13 del mattino. Riunione in cui è emerso anche che, viste le difficoltà di consegna di Pfizer con le dosi previste per il 4 gennaio slittate al giorno dopo e arrivate intorno al 40%, forse è addirittura necessario rallentare. Durante il meeting si è discusso della disponibilità del personale medico per la fase 2 della campagna vaccinale e degli altri prodotti vaccinali in arrivo – ci si augura – con Moderna che ha ricevuto proprio in queste ore l’approvazione Ema e già dal 7 partiranno le procedure Aifa per seguire lo stesso percorso intrapreso a fine dicembre da Pfizer-BioNTech. Da quel momento si attendono le comunicazioni sulle dosi in consegna. Previsioni? “Potrebbe arrivare il vaccino Johnson&Johnson ancora prima di quello di AstraZeneca che non ha completato la documentazione” spiega Lucchini a True Pharma.

I numeri per la fase 2 della Lombardia sono elevati: 700mila ultra 80enni su una platea di 4 milioni nell’intero territorio nazionale. “Le somministrazioni per questa categoria devono evitare che arrivino tutti in ospedale e potrebbero essere fatte con la collaborazione dei Medici di Medicina Generale nelle strutture sanitarie ma anche quelle temporanee”. Non vi è ancora certezza però sui siti che verranno selezionati da Regioni e aziende sanitarie a livello provinciale e con gli enti locali perché l’individuazione dei luoghi “dipenderà dai prodotti e dalle loro caratteristiche” a cominciare dalla temperatura di conservazione e stoccaggio”.

Come avverrà il contatto con i pazienti da vaccinare? “Il piano allo studio prevede di integrare le anagrafi sanitarie – risponde Lucchini – in modo da avere la corrispondenza precisa fra un codice fiscale e un numero di cellulare o un altro contatto affidabile. Questa sarà la base per tutte le modalità che verranno scelte: numero verde, call center che telefona, sms o altri strumenti per chi ha una maggiore competenza tecnologica, oltre a quanto già conosciuto sul territorio dai medici di medicina generale”. “Invece – prosegue – a livello nazionale c’è una piattaforma che stanno realizzando Eni e Poste italiane per gestione e somministrazione del vaccino che verrà integrato con i sistemi regionali attualmente già in uso”. Ultimo nodo: stoccaggio e distribuzione. Durante la riunione con il Commissario Arcuri sono stati illustrati i dettagli di un accordo con il Ministero della Difesa di Lorenzo Guerini per trasferimento delle dosi con l’utilizzo dell’esercito. “Trasferimento che avverrà – chiude Lucchini – sia verso le su strutture sanitarie e i loro centri vaccinali sia verso le strutture temporanee con una competenza delle Ats e degli Hub competenza per trasferire le dosi verso le 1.500 piazze d’Italia con i padiglioni a primula”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti