Future Come la pandemia ha fatto la fortuna di Stripe

Come la pandemia ha fatto la fortuna di Stripe

Sono poche le aziende a essersi arricchite durante l’ultimo anno. Difficile trovare un modello di business che si sposi con il distanziamento sociale e i lockdown. Amazon è forse l’esempio più noto di gigante digitale che è diventato ancora più grande “grazie” al Covid-19, registrando nel 2020 dei numeri da record. Ma non è l’unico.

Stripe è una startup fondata nel 2010 da due fratelli irlandesi, John e Patrick Collison, rispettivamente di 30 e 32 anni, come sistema per i pagamenti online. Un settore che è esploso negli ultimi mesi, con sempre più persone costrette a casa che hanno aperto attività online. E i risultati si vedono: Stripe ha appena concluso un nuovo round di investimenti con una valutazione da 95 miliardi di dollari. Al momento non c’è startup americana che valga di più.

Oggi l’azienda sta vivendo una fase di “iper-crescita”, come ha dichiarato Stripe stessa. I nuovi fondi serviranno a potenziare i propri servizi, visto che la società processa “centinaia di miliardi all’anno”. Di particolare importanza in questo momento è curare il rapporto con i clienti più grandi. Per dire, ci sono una cinquantina di aziende che da sole fanno passare per Stripe un miliardo all’anno. L’azienda deve crescere, quindi, per essere utile sia al creato dilettante che alle realtà più consolidate.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Nuovo ospedale San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costa il “polo unico”? Il documento esclusivo di Regione

San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costerebbe unire gli ospedali? L'analisi economico-gestionale comparativa in esclusiva su True Pharma

Ecco le lauree scientifiche che servono all’Italia. Il report Anpal-Unioncamere

Campo energetico-ambientale ma anche chimico, matematico e fisico. Ecco le principali lauree che serviranno all'Italia

Remuzzi, Brusaferro e Magrini: la squadra che guida il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche

Il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche? Sarà guidato da Remuzzi, Brusaferro e Magrini

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Amazon ha difficoltà a trovare lavoratori (e a tenerli)

Lavoratori "consumati" che si licenziano subito (e altri problemi)

5 consigli (+1) per un brand su TikTok

Cosa fare (e cosa evitare) per promuversi su TikTok