Ecco come si entra nel Metaverso (in pochi clic)

Tutti pazzi per il Metaverso. Marco Verratti si è comprato un’isola, mentre le grandi capitali del mondo, tra cui Roma e Tokyo, vengono vendute al miglior offerente e tante aziende acquistano spazi per costruire shopping mall virtuali… Insomma, un universo parallelo al mondo reale, una specie di Monopoli digitale, in cui tutti corrono ad accaparrarsi un appezzamento di terreno, un edificio, una piazza. Ma come si entra nel Metaverso?

Metaverso: cosa serve per entrare

Non è difficile entrare nel Metaverso: ci si registra a un sito che ne faccia parte e il gioco è fatto. Cosa serve, quindi? Fondamentalmente un computer e una connessione Internet, anche se per vivere al meglio questa esperienza immersiva l’ideale è indossare un visore VR o qualche accessorio che consenta di proiettarsi nel mondo virtuale. A differenza del dark web il metaverso non ha porte o sbarramenti all’ingresso, comunque.

Leggi anche “Metaverso: che cos’è e come sarà nel 2022”

In pochi clic ci si ritroverà così immersi in una gigantesca città virtuale in cui seguire una riunione con i colleghi dell’ufficio, provare abiti nei negozi, fare la spesa al supermercato, invitare amici nella propria casa “digitale”.

“Sarete in grado di teletrasportarvi istantaneamente come un ologramma per essere in ufficio senza fare avanti e indietro da casa, a un concerto con gli amici o nel salotto dei vostri genitori”, ha spiegato Mark Zuckerberg presentando Meta, il metaverso targato Facebook. 

Non esiste comunque un unico metaverso, ma ce ne sono vari: oltre a Meta, ci sono Decentraland, Bloktopia, Sandbox, Star Atlas, USM. Vediamo come entrare nei più popolari.

Come si entra nel Metaverso: siti

Decentraland

L’esperienza più semplice, soprattutto se non si possiede un portafoglio digitale e non si vuole fare shopping virtuale, si può fare facendo login (“Get started”) sul sito ufficiale di Decentraland. A quel punto i può scegliere tra “Play using your wallet” oppure “Play as guest” (se non si ha appunto un wallet crypto). In ogni caso, in questo metaverso la criptovaluta di riferimento è MANA.

Come Guest, ci si può comunque iniziare a spostare nel metaverso, a partire alla piazza centrale di Decentraland, Genesis Plaza. L’avatar, che si può facilmente personalizzare, può essere mosso utilizzando i pulsanti WASD della tastiera e spostando il mouse.

Sandbox Metaverso

Dal sito ufficiale di Sandbox, una delle piattaforme di metaverso attualmente più diffuse, si clicca su “Sign In”, in alto a destra, e quel punto si sceglie una tra le modalità di accesso proposte, tra cui Facebook, Twitter e Google.

Chi vuole, cliccando su Buy Land, può provare a comprare terreni. Attenzione però perché per farlo è necessario avere un portafoglio con criptovalute accettate dal sistema, come appunto Ethereum (fratello minore del bitcoin) e quella dedicata al metaverso stesso, Sand.

Meta

Il metaverso di Facebook è ancora un “work in progress”: non è ancora accessibile da tutti i Paesi del mondo, come spiega Salvatore Aranzulla, e l’applicazione Horizon Worlds è in fase di sviluppo.

Inoltre, per entrare nel metaverso di Zuckerberg servirà un visore VR, nello specifico il Quest 2 sviluppato internamente da Oculus (sempre targato Meta).