Ucraina, ancora missili su Kiev: la Russia torna ad attaccare la capitale

Ucraina, la Russia torna a lanciare missili su Kiev. Le bombe hanno colpito il quartiere residenziale di Shevchenko.

Ucraina, la Russia torna a lanciare missili su Kiev. Diverse esplosioni segnalate in mattinata nella capitale ucraina. Secondo gli ultimi aggiornamenti, le bombe hanno colpito almeno due edifici residenziali. Confermati almeno un morto e cinque feriti, tantissimi civili sotto le macerie.

Ucraina, la Russia lancia missili su Kiev: il nuovo attacco sulla capitale

Dopo tre settimane, la Russia torna ad attaccare Kiev. Questa mattina la capitale dell’Ucraina è stata colpita da un attacco missilistico che, secondo il sindaco Vitali Klitschko, avrebbe colpito almeno due edifici residenziali nel distretto di Shevchenko.

Il Cremlino avrebbe quindi ripreso a prendere di mira obiettivi civili. Secondo il Kyiv Independent, il capo del servizio di emergenza statale Sergey Shevchuk avrebbe confermato la morte di almeno una persona. Si tratterebbe del padre di una bambina di sette anni, che fortunatamente è stata salvata. Finora sono invece cinque i civili feriti estratti dai detriti e trasportati d’urgenza in ospedale. Ancora nessuna notizia sulla madre della bambina, che si presume ancora bloccata sotto le macerie.

Il ministro degli esteri ucraino: “Il G7 risponda, l’imperialismo russo va fermato”

Il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha commentato l’attacco su Twitter, lanciando un appello al G7: “Una ragazzina ucraina dormiva pacificamente a Kiev fino a quando un missile da crociera russo non ha fatto esplodere la sua casa. Il vertice del G7 deve rispondere con più sanzioni alla Russia e armi più pesanti per l’Ucraina. Il malato imperialismo russo deve essere sconfitto”.