Facts Terza dose vaccino Pfizer: sarà necessario farla?

Terza dose vaccino Pfizer: sarà necessario farla?

Pfizer e BioNTech nelle prossime settimane chiederanno agli organi competenti, Fda negli Usa e Ema in Europa, l’autorizzazione per la somministrazione della terza dose del vaccino Pfizer. All’indomani del lieve aumento dell’indice Rt dei contagi, arriva la proposta delle case farmaceutiche.

Terza dose: i primi dati del vaccino Pfizer

La proposta della terza dose del vaccino Pfizer arriva dopo i primi dati positivi contro il Covid e la variante Delta. Secondo la prima sperimentazione clinica, rispetto alle prime due dosi, una terza somministrazione del vaccino aumenta il livello degli anticorpi da 5 a 10 volte, anche contro le varianti Delta e Beta. Le case farmaceutiche pubblicheranno presto altri dati definitivi per dare forza e seguito alla loro proposta.

Quando dovrebbe essere somministrata la terza dose del vaccino Pfizer

Secondo le case farmaceutiche e dopo le prime sperimentazioni, la terza dose del vaccino Pfizer potrebbe essere somministrata tra i 6 e i 12 mesi dopo la seconda. Rispetto agli ultimi aumenti di contagi, si segnala un maggior rischio di infezioni a sei mesi dalla seconda dose, perché gli anticorpi diminuiscono.

“Pfizer-Biontech ritiene che una terza dose potrebbe essere di beneficio entro i 6-12 mesi successivi alla seconda dose per mantenere livelli più alti di protezione”, è quanto si legge nella nota.

Covid, sale l’indice Rt in Italia

In vista di una possibile terza dose, sale lievemente il valore dell’indice Rt nazionale, a 0,66 rispetto allo 0,63 della settimana scorsa. L’incidenza dei casi di Covid in Italia arriva ad 11 ogni 100mila abitanti, rispetto ai 9 casi di 7 giorni fa. Sono i dati contenuti nella bozza di monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute sull’andamento dei contagi da coronavirus in Italia, all’esame della cabina di regia.

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Notizie Correlate

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.