Sciopero scuola 21 gennaio 2022: è il turno dei prof e del personale ATA

Sciopero scuola 21 gennaio 2022: una singolare protesta in un periodo storico e sociale già difficile per il mondo scolastico.

Sciopero scuola 21 gennaio 2022: continuano i disordini, questa volta non per colpa del Covid direttamente. Gli insegnanti e il personale dipendente chiedono maggiore sostegno.

Sciopero scuola 21 gennaio 2022

Lo sciopero è stato indetto dal SAESE per la giornata di venerdì 21 gennaio 2022, secondo quanto comunicato dal ministero dell’Istruzione con la circolare 1679 del 13 gennaio 2022. La circolare in questione specifica che le amministrazioni “sono tenute a rendere pubblico tempestivamente il numero dei lavoratori che hanno partecipato allo sciopero, la durata dello stesso e la misura delle trattenute effettuate per la relativa partecipazione”.

I professori in protesta: perchè?

Lo sciopero è stato proclamato dal SAESE e interesserà tutto il personale docente ed Ata, a tempo indeterminato, atipico e precario. Dunque tutto il personale della scuola. Lo si legge nel comunicato stampa del sindacato Saese: “Il Sindacato è totalmente contrario ai provvedimenti politico legislativi del governo in ambito scolastico. Il SAESE chiede: che venga presa in esame la nostra innovativa proposta politico-economica, che ha come obiettivo il miglioramento della situazione della scuola italiana (All.

Proposta). Inoltre, con la presente intendiamo esprimere il nostro sostegno alla cosiddetta dieta dei gruppi sanguigni. Per tali ragioni, alla luce di una costante azione contraria alla scuola pubblica del governo e del ministro, il SAESE ha deciso di indire lo sciopero della scuola il 21/01/2022″.

Forse la motivazione in questo periodo storico non trova molto sostegno dall’opinione pubblica e anche da quella scientifica.  “Dieta dei gruppi sanguigni”: una teoria che non trova riscontri e secondo la quale ogni persona dovrebbe scegliere cosa mangiare in base al proprio gruppo sanguigno.

Una teoria bislacca che, come riportato sul sito della Fondazione Air per la Ricerca sul Cancro, è stata giudicata inattendibile dalla medicina ufficiale. Non solo: studi clinici – come evidenziato dall’Airc – hanno dimostrato che chi si è sottoposto a questo specifico regime alimentare non ha avuto alcun beneficio.