Salvini contro la serie tv di Amazon sulla caduta del ponte sullo stretto

Salvini si è scagliato contro la serie tv Amazon che propone la caduta del ponte sullo stretto. Ecco il suo commento.

Salvini si è scagliato contro la serie tv Amazon che propone in un episodio la caduta del ponte sullo stretto. Il vicepremier ha alzato un polverone pubblicando anche un video sul suo profilo di Facebook. Ecco cosa ha detto il leader della Lega sulla questione.

Salvini contro la serie tv di Amazon

Matteo Salvini si è scagliato contro la serie tv di Amazon “The Bad Guy“. “In una nuova serie tv di Amazon, ennesimo stereotipo di pessimo gusto sull’Italia e sul popolo siciliano: dopo la sua realizzazione, il Ponte sullo Stretto crolla perché la costruzione era stata affidata ad aziende legate ai clan mafiosi…”. Lo scrive sui social il vicepremier e ministro delle Infrastrutture, che posta anche un video.

“Non possiamo più accogliere in silenzio insulti e offese al nostro Paese – dice Salvini -. L’Italia da sempre crea capolavori ingegneristici dentro e fuori dai confini: il Ponte sarà l’ennesimo esempio di genialità italiana nel mondo. Volere è potere”.

Al centro delle polemiche la caduta del ponte sullo stretto

Al centro delle polemiche, dunque, la caduta del ponte sullo stretto nella serie tv. Il protagonista del racconto è Nino Scotellaro, interpretato da Luigi Lo Cascio, un pubblico ministero da sempre in lotta contro la mafia. Tuttavia, viene accusato poi di essere un complice della malavita così la storia del racconto si ribalta.

Anche Nino Minardo, presidente della Commissione Difesa della Camera dei Deputati, ha voluto commentare la scena del crollo del Ponte sullo Stretto di Messina della serie in onda su Prime Video: “Sul Ponte sullo Stretto sarebbe stato meglio un documentario che un fantasioso crollo pieno di pregiudizi. Ma non dispero che Amazon Prime voglia rifarsi raccontando tra un po’ di tempo la realizzazione di questa importante opera”.

 

 

LEGGI ANCHE: Salvini sull’incidente di Alessandria fa una gaffe. Il leader della Lega propone revoca patente a vita