Rai Italy su RaiPlay, ecco il nuovo canale: cos’è e cosa trasmette

Rai Italy è un nuovo canale con tante novità che arriva su RaiPlay. Tanti contenuti ma soprattutto un nuovo segnale verso l'estero.

Rai Italy è il nuovo canale presente su RaiPlay. Sono previste delle novità contenutistiche ma anche di segnale verso l’estero. Il nuovo canale è stato definito come una finestra sul mondo dia vertici della Rai.

Rai Italy su RaiPlay, ecco il nuovo canale: cos’è

Su Raiplay c’è una nuova finestra che è Rai Italy, che è visibile in tutto il mondo. Tutti i contenuti on demand saranno liberi, non c’è solo il meglio della programmazione, ma programmi specifici per dare del paese un racconto di contemporaneità.

“La direzione per l’estero è in una fase di grandissimo cambiamento, che sta rispecchiando il cambiamento che stiamo facendo in azienda”, ha detto l’Ad Rai, Carlo Fuortes, in occasione della presentazione dell’offerta Rai per l’estero. “Il contratto di servizio – ha aggiunto – prevede la digitalizzazione dell’offerta e il cambiamento di contenuti. Stiamo immaginando un’offerta per l’estero innovativa rispetto al passato: fino a oggi la Rai mandava attraverso il satellite i vari contenuti, adesso stiamo spingendo sulla digitalizzazione”.

Cosa trasmette

Il nuovo canale porta delle novità dal punti vista contenutistico. “Ci saranno corsi di linguaprogrammi culturali ed anche una parte in inglese per gli amanti della nostra cultura. Si tratta di un grande sforzo di tutta la Rai per arrivare all’estero. Questo è un aspetto molto importante di discontinuità rispetto al passato”, ha spiegato Fuortes.

Il direttore Rai per l’offerta estera, Fabrizio Ferragni,  ha invece comunicato quali sono le novità che comporta Rai Italy.

“I punti centrali sono il passaggio dal satellite al digitale per quanto riguarda l’Europa, che renderà Rai Play trasparente in tutto il continente”, ha spiegato il dirigente. Ferragni ha aggiunto: “Rai Italy mette a disposizione degli utenti un servizio in lingua inglese – importante, come ci hanno segnalato, perché dopo alcune generazioni i nostri cittadini all’estero possono anche non parlare più la nostra lingua – e raggiunge 22 milioni di case”.

Il dirigente ha inoltre reso noto che “delle 8.760 ore annue di trasmissione ben l’83 per cento proviene dal meglio della produzione dei nostri tre canali generalisti”.

 

 

LEGGI ANCHE: Disney, Bob Iger è di nuovo il CEO: licenziato Bob Chapek