Quirinale, chi è Gianni Letta e che ruolo ha per Silvio Berlusconi

Gianni Letta è un politico e giornalista che è stato sottosegretario alla presidenza del consigli dei ministri nei governi Berlusconi

Gianni Letta è un giornalista e politico italiano che, durante i governi presieduti da Silvio Berlusconi, ha ricoperto la carica di Sottosegretario di Stato alla presidenza del consigli dei ministri. Non è mai stato iscritto a nessun partito, neanche a Forza Italia.

Chi è Gianni Letta: esordi e primi lavori

Gianni Letta, noto al panorama politico come Gianni, è nato ad Avezzano il 15 aprile 1935. È lo zio di Enrica Letta, segretario del Partito Democratico, ed è sposato con Maddalena Marignetti ed ha due figli: Giampaolo e Marina.

Dopo essersi laureato in giurisprudenza, lavorò come operaio al zuccherificio di Avezzano per un periodo diventando in un secondo momento direttore del reparto chimico. Passato poi con il padre all’interno del suo studio legale, decise di dedicarsi al giornalismo e diventò corrispondente dell’Ansa, dei Rai Locale per poi passare al quotidiano romano Il Tempo. Diventato giornalista professionista nel 1961, fu nominato 10 anni dopo direttore amministrativo dello stesso quotidiano.

Nel 1987 lasciò l’incarico per diventare vicepresidente delle comunicazioni del Gruppo Fininvest guidato da Silvio Berlusconi, con il quale instaurò un rapporto di sempre maggiore fiducia. 

La politica e il rapporto con Silvio Berlusconi

Gianni Letta, dopo la vittoria elettorale di Berlusconi del 1994, divenne per volontà del leader di Forza Italia sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri (ruolo che ricoprì anche durante i governi Berlusconi II e III e IV).

Da lì in poi inizierà ad avere un rapporto sempre più stretto con il Cavaliere tanto che tenderà ad essere sempre più etichettato come consigliere fidato di Silvio Berlusconi. I due quindi, fin dal 1994, condividono l’avventura politica.

La candidatura al Quirinale

Nel 2006 Silvio Berlusconi propose proprio il nome di Gianni Letta come presidente della Repubblica Italiana. Nel tentativo di farsi eleggere al Quirinale Gianni Letta, al primo scrutinio, ottenne 369 voti, non sufficienti a raggiungere il quorum di due terzi dell’assemblea (673 voti).

Il patto del Nazareno

Nel gennaio 2014 Gianni Letta, assieme a Matteo Renzi (al tempo segretario del Pd), è stato promotore del cosiddetto “Patto del Nazareno” volto a riformare il titolo V della Costituzione.